L’Anpi denuncia in Procura Casapound e Forza Nuova per «violenza e apologia di fascismo»

L’Associazione ha anche richiesto di procedere al sequestro della sede accupata abusivamente di Casapound

L’Associazione nazionale partigiani italiani è passata all’offensiva contro i movimenti di estrema destra Casapound e Forza Nuova, depositando una denuncia alla Procura della Repubblica di Roma: «Per i numerosi atti di intimidazione, violenza e apologia di fascismo da queste commessi ripetutamente negli ultimi tempi». 

Il vicepresidente nazionale e legale dell’Anpi, Emilio Ricci, ha dichiarato che l’Associazione: «Ha ritenuto urgente avviare un’operazione penale, perché non sono più tollerabili la presenza e l’attività criminosa di questi gruppi».

I due movimenti di estrema destra, continua Ricci: «Si pongono in palese contrasto con la Costituzione della Repubblica e con le leggi vigenti in materia di apologia di fascismo, la Scelba e la Mancino».

Attraverso questo esposto: «L’Anpi spera che si arrivi il prima possibile a sentenze che consentano alle autorità competenti di sciogliere finalmente CasaPound, Forza Nuova e le altre organizzazioni affini», conclude infine Ricci. 

L’Anpi, presentando la denuncia, ha inoltre richiesto formalmente di procedere al sequestro della sede di CasaPound in via Napoleone III a Roma, «occupata abusivamente» e che recentemente è finita nuovamente al centro delle cronache per «Aver sottratto per oltre tre lustri un immobile di ben sei piani al patrimonio dello Stato, causando in tal modo un danno certo e cospicuo all’erario», pari a 4.642.363,10 euro, secondo quando denunciato dalla Procura di Roma.

Sullo stesso tema: