Alarm Phone: «Gommone in avaria a largo della Tunisia, circa 80 dispersi»

I sopravvissuti sarebbero stati cinque, ma uno di loro è deceduto dopo essere stato ricoverato in ospedale

Un altro naufragio nel Mediterraneo, questa volta a largo delle coste tunisine. Secondo Alarm Phone, l’organizzazione che gestisce il servizio telefonico di richiesta d’aiuto nel Mediterraneo, il gommone sarebbe entrato in avaria nei pressi di Zarzis.

Secondo la testimonianza di un volontario della croce rossa tunisina Chamseddine Marzoug, a bordo del gommone c’erano oltre 80 persone. Soltanto cinque sono state portate in salvo. Una di loro è deceduta in seguito dopo essere stata ricoverata in ospedale.

Il 3 giugno sempre Alarm Phone aveva riferito di un naufragio avvenuto la notte precedente al largo delle coste libiche. Secondo quanto raccontato dal passeggero che ha lanciato l’allarme, ci sarebbero state oltre 60 persone a bordo dell’imbarcazione, tra cui 20 donne e bambini.

Un secondo tentativo di contatto non aveva portato a nulla. Alarm Phone avrebbe cercato di contattare sia la guardia costiera libica, sia quella italiana. D’allora non ci sono più aggiornamenti.

Leggi anche: