«Prima i tos-ca-ni», la Crusca “blasta” i consiglieri della Lega toscana

Lo strafalcione ha subito scatenato l’ironia della rete che ha invaso la pagina con commenti di ogni tipo

«Sillabazione. Non si divide mai un gruppo formato da s + consonante/i: o-stra-ci-smo; te-schio; co-sto-la; sco-iat-to-lo; co-stru-i-re; ca-spi-ta, stri-scio-ne…». È con questa breve nota correttiva, pubblicata sui social e sul sito istituzionale, che l’Accademia della Crusca ha “tirato le orecchie” ai consiglieri in quota Lega della regione Toscana. 

Volevano sfoggiare lo slogan «Prima i Toscani» e così hanno fatto, peccato per quella divisione in sillabe scorretta. Il motivo era una protesta contro una proposta di legge per l’assistenza sociale ai migranti voluta dalla giunta del governatore Enrico Rossi. Hanno fatto stampare sulle t-shirt: «Pri-ma i Tos-ca-ni», anziché la formula corretta, e cioè «Pri-ma i To-sca-ni».

I consiglieri to-sca-ni della Lega durante la protesta

I protagonisti dello scatto, subito pubblicato sulla pagina ufficiale Facebook della Lega in Toscana sono i consiglieri Elisa Montemagni, Luciana Bartolini, Roberto Salvini, Jacopo Alberti, Roberto Biasci e Marco Casucci.

Inutile dire che, dopo la pubblicazione in rete della foto (poi rimossa), gli utenti dei social si sono scatenati con i commenti più disparati: «Prima l’italiano!», scrive un utente, seguito da un altro che dice: «Prima i 49 milioni e poi l’italiano!». E un altro, ancora: «Non sapevo che in Toscana è diverso il modo di sillabare…».

Anche Dario Nardella, sindaco di Firenze, ha commentato la foto: «Da Firenze, città di Dante io direi: prima l’italiano!!!!!!!!! To-sca-ni. Segnatevelo magari per la prossima volta…».

Da Firenze, città di Dante io direi: PRIMA L’ITALIANO!!!!!!!!! To-sca-ni. Segnatevelo magari per la prossima volta…

Posted by Dario Nardella on Wednesday, July 10, 2019

Leggi anche: