Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Joule, l’energia di Eni in una nuova scuola per laureati, manager e giovani imprenditori

in collaborazione con Eni

L’iniziativa è volta a formare i manager del futuro, promuovendo una cultura basata sui valori dell’integrazione e della crescita sostenibile. Previsto anche un programma di accelerazione e consolidamento per le startup

L’offerta formativa per l’alta specializzazione si arricchisce di un nuovo corso per chi si è appena laureato o per chi vuole incrementare le proprie abilità di manager e imprenditore. È Joule, la nuova scuola di management che Eni lancerà per l’anno accademico 2020-2021. Un nome, l’unità di misura dell’energia, che rimanda al settore nel quale l’azienda è leader da decenni. Ma l’energia è anche l’idea che anima l’iniziativa educativa di Eni e l’impegno messo per la formazione dei futuri leader di domani.

L’impegno per la formazione

Joule si affianca alla prestigiosa tradizione di formazione manageriale della Scuola Mattei e del suo master Medea. E il principio comune ai due corsi, insieme ai tanti master di secondo livello che Eni organizza con le università del territorio italiano, è impiegare le migliori professionalità dell’azienda per un trapasso di conoscenze ai giovani che ambiscono a uno slancio nella propria carriera.

Vocazione per il futuro

Ma non si tratta solo di nozioni e know-how della professione. Joule punta a una condivisione, con i futuri studenti, degli obiettivi che Eni ha fatto propri negli ultimi anni: il taglio delle emissioni per affrontare la sfida del cambiamento climatico, più accesso all’energia in tutte le sue forme, l’impegno per la ricerca di soluzioni che garantiscano la transizione verso un modello energetico a basso impatto carbonico.

Continua a leggere su Open

Leggi anche:

Aree di studio

L’offerta didattica di Joule sarà ampia. Gli studenti, con la docenza interna di Eni e di stakeholder esterni affermati sul panorama internazionale, studieranno e metteranno in pratica esperienze che vanno dagli scenari di lungo termine (decarbonizzazione ed economia circolare), alle tecnologie per la mobilità sostenibile e l’efficienza energetica, dai temi della globalizzazione, della competitività e dei gap socio-economici, alla comunicazione interculturale, alla leadership inclusiva e al digital mindset. Due i percorsi di studio tra cui scegliere:

  • Human Knowledge Program: un laboratorio di formazione per laureati, manager e imprenditori con l’obiettivo di promuovere una leadership globale inclusiva che metta al centro le persone e l’ambiente;
  • StartUp Initiative: un programma di accelerazione e consolidamento per startup, scale-up e PMI in grado di contribuire al percorso di transizione energetica, con attenzione rivolta all’Italia.

Una sede d’eccezione

I percorsi di formazione e i programmi di avvio e chiusura della startup di Joule avranno luogo nella sede di Villa Montecucco a Castel Gandolfo, sito storico della formazione manageriale Eni, nato nel 1973 come Istituto di Aggiornamento e Formazione Eni (IAFE) all’interno di una storica residenza di fine ‘800.

Strumentazione all’avanguardia

Dotata di supporti formativi e multimediali di ultima generazione (aule di VR training, ledwall, sistemi di videoconferenza avanzata, dispositivi di proiezione a 4K) e di una foresteria con tutte le facilities (camere, ristorante, auditorium), la Villa ospiterà le principali iniziative formative di corporate identity per le persone Eni e sarà anche la nuova sede dell’archivio storico Eni, il cui patrimonio, 5 chilometri di documenti, 500 mila immagini fotografiche e 5 mila audiovisivi, è stato recentemente digitalizzato e reso accessibile su eni.com, con una previsione di circa 2.8 milioni di documenti digitalizzati al 2021 pari a circa 100 terabyte di memoria.