Lufthansa contro le low cost: «Economicamente ed ecologicamente irresponsabili»

L’ad della compagnia tedesca Carsten Spohr all’attacco: «I voli a meno di 10 euro non dovrebbero esistere»

Lufthansa va all’attacco delle compagnie low cost. Secondo l’azienda di trasporti tedesca, i biglietti aerei offerti a prezzi sotto i 10 euro sarebbero «economicamente, ecologicamente e politicamente irresponsabili».

A partire lancia in resta è direttamente l’amministratore delegato di Lufthansa, Carsten Spohr, che in un’intervista al quotidiano svizzero NZZ am Sonntag ha fortemente criticato i concorrenti low cost per l’offerta di tariffe ultra-economiche che schiacciano i guadagni del settore.

I voli a meno di 10 euro «non dovrebbero esistere», ha detto, spiegando che i due maggiori vettori low cost d’Europa stanno «perdendo enormi quantità di denaro» pur di aumentare le vendite in Germania, mercato domestico di Lufthansa. «Nessuno ci spingerà fuori dal nostro mercato nazionale», ha sottolineato Spohr. Tuttavia, «la guerra dei prezzi lascia le sue tracce anche con noi».

La compagnia ha tagliato le previsioni di utile per il 2019 il mese scorso, parlando proprio di un calo delle tariffe aeree causato in particolare dalla concorrenza dei rivali a basso costo in Europa Germania e Austria. Nella giornata di ieri 13 luglio erano stati diffusi dal Corriere della sera i dati del numero di passeggeri nel primo semestre del 2019 che vedevano la low cost irlandese tornare in vetta.

Elaborazione Corriere della Sera

Leggi anche: