Beppe Grillo torna in campo? «Subito dei cambiamenti, non aspettiamo le elezioni»

«Non si può lasciare il Paese in mano a della gente del genere. Lasciamoci alle spalle Psiconani, Ballerine e Ministri Propaganda a galleggiare come orridi conglomerati di plastica nei mari: per loro quella è vita, per noi soltanto sporcizia non biodegradabile»

«Mi eleverò per salvare l’Italia dai nuovi barbari». C’è scritto così nel lungo commento che il comico e cofondatore del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo affida al suo blog in un posto intitolato “La coerenza dello scarafaggio“.

Nell’analisi di quello che sta accadendo negli ultimi giorni di governo giallo-verde, lascia intravedere una sua nuova discesa in campo: «Non si può lasciare il Paese in mano a della gente del genere solo perché crede che senza di loro non sopravviveremmo. Un complesso di Edipo in avvitamento che è soltanto un’illusione», scrive Grillo.

Che il comico pensi a sé stesso come a un’alternativa quando a domanda retorica «Dobbiamo fare dei cambiamenti?» si risponde: «Facciamoli subito, altro che elezioni, salviamo il paese dal restyling in grigioverde dell’establishment, che lo sta avvolgendo! Come un serpente che cambia la pelle»?

Il riferimento a Salvini e Berlusconi

«La vita scorre per cicli: prima eri uno che tentava di tenere duro con Salvini – dice Grillo riferendosi al M5s – e adesso, solo perché lui (Salvini ndr) è nel pieno del suo ciclo di vuoto intamarrimento tu devi morire?».

E conclude, chiamando in causa anche Berlusconi: «Lasciamoci quindi alle spalle Psiconani, Ballerine e Ministri Propaganda a galleggiare come orridi conglomerati di plastica nei mari: per loro quella è vita, una gran vita, per noi soltanto sporcizia non biodegradabile».

Leggi anche: