Usa, sparatoria a Filadelfia: feriti sei agenti della polizia. Arrestato l’uomo che ha aperto il fuoco

Il presidente americano Donald Trump fa sapere che la Casa Bianca segue da vicino l’evolversi della situazione

Un uomo è stato arrestato dopo aver sparato, causando il ferimento di sei poliziotti. È accaduto a Filadelfia, negli Usa. Gli agenti non sono in gravi condizioni e sono già stati dimessi dall’ospedale.

Dopo aver sferrato i colpi d’arma da fuoco, si era barricato in casa. Nel frattempo è stato chiesto alla popolazione di restare chiusa in casa e tenersi a distanza dal luogo della sparatoria.

Già esclusa la pista terroristica. L’isolato dove si trova l’abitazione in cui si è asserragliato l’uomo armato è completamente circondato dagli agenti, compresi quelli delle forze speciali.

La ricostruzione

Secondo quanto riportato dai media locali, l’episodio è avvenuto dopo che la Narcotici si è introdotta in un’abitazione accanto a quella in cui vive l’uomo per un blitz anti droga.

La polizia è stata nel frattempo informata che in una casa vicina, quella in cui si è poi barricato l’uomo, c’era una grande quantità di armi.

Nel tentativo di intervenire, è cominciata la sparatoria, con l’uomo che ha esploso ripetuti colpi contro gli agenti ancora in strada e che tentavano di ripararsi dietro le automobili parcheggiate.

Alcuni agenti avrebbero provato a fare irruzione, ma sono stati costretti a fuggire anche dalle finestre quando l’uomo ha ripreso a sparare.

Due poliziotti sono rimasti per un paio d’ore intrappolati nell’edificio, ma sono poi stati liberati dagli agenti delle forze speciali, che hanno anche scortato fuori dalla palazzina quattro donne.

Sul posto, dopo il ferimento dei sei uomini sono intervenuti decine di altri poliziotti. Il presidente americano Donald Trump ha fatto sapere che la Casa Bianca segue da vicino l’evolversi della situazione.

Leggi anche: