Chelsea-Liverpool non è finita: Adrian infortunato da un tifoso in scivolata, Abraham insultato per il colore della pelle – Video

Il portiere eroe ‘ferito’ da un supporter nei festeggiamenti. Razzismo social contro l’attaccante

Gli effetti collaterali di Chelsea-Liverpool vanno oltre la Supercoppa luccicante nella bacheca ad Anfield Road, uno degli indirizzi clou del Merseyside. I protagonisti sono sempre loro, i meno attesi. Gli eroi agli estremi: il portiere Adriàn, che non doveva giocare, e il giovane attaccante blues Abraham, che si è fatto parare il rigore decisivo. L’uno e l’altro si trovano al centro di storie incredibili. E una, in particolare, non fa proprio ridere.

Tifoso ‘investe’ Adrian

Nella notte di Istanbul la Liverpool di Klopp era in piedi a osannare il suo eroe per caso: il portiere Adriàn San Miguel de Castillo, disoccupato fino a una settimana fa, titolare per stato d’emergenza causa infortunio dell’intoccabile Alisson.

E’ stato lui a parare l’unico rigore sbagliato nella infinita Liverpool-Chelsea. E mentre il giovanotto gridava al mondo che la Supercoppa era Reds, con Klopp a scandirne il nome plagiando Rocky Balboa, un tifoso scalmanato ha fatto una specie di cronoscalata sul portiere dei Rossi, provocandogli con una scivolata degna di De Rossi un infortunio alla caviglia che ne mette a rischio la presenza domani sul campo del Southampton.

E Klopp ha smesso di cantare, infuriandosi: ‘Amiamo in nostri tifosi – ha detto. Ma non è per nulla divertente quanto accaduto. Ha la caviglia gonfia’.

Vergogna contro Abraham

https://www.instagram.com/p/B1LdrXlHwHI/

Mentre Adriàn si divideva tra l’assalto del tifoso e le imitazioni del suo allenatore, c’era un ragazzino a terra: Tammy Abraham da Camberwell.

Classe ’97, cresciuto a pane e Chelsea, il gigante di origine nigeriane si era pure guadagnato il rigore del 2-2 nei tempi supplementari (poi trasformato da Jorginho); ma il suo shoot-out, quello che ha portato la Supercoppa ad Anfield, gli è costato molto più delle lacrime: sui social sono piovuti insulti vergognosi, molti di stampo razzista.

Il Chelsea è intransigente

Il Chelsea, a mezzo di un suo portavoce, si è detto disgustato per quanto letto sui social media: ‘Il Chelsea FC ritiene inaccettabili tutte le forme di comportamento discriminatorio – fa sapere il club -. Non ha spazio in questo club chi, essendo in possesso di un abbonamento o chiunque abbia acquistato un biglietto o qualsiasi tifoso del Chelsea, si renda responsabile di tali comportamenti. Intraprenderemo le azioni più forti possibili contro i responsabili’.

https://twitter.com/fikayotomori_/status/1162057825109065730

Minaccia azioni pesanti il Chelsea, già salito agli onori della storia (in positivo) per aver daspato a vita uno pseudotifoso, reo di aver assunto comportamenti razzisti nel match dello scorso anno contro il City. L’uomo era stato assolto in campo penale, ma il club non ha voluto sentire ragioni. Via da Stamford Bridge. E ora la compagnia potrebbe allargarsi…