Roma, insulti incisi sull’auto del medico della Croce rossa: «N***o di merda»

Già l’anno scorso una donna si era rifiutata di farsi curare da Andi Nganso a causa del suo colore della pelle

Andi Nganso, 31 anni, era uscito a cena la sera del 22 agosto e aveva parcheggiato la macchina al Pigneto, a Roma, dove si era trasferito da pochi mesi. Quando è andato a riprenderla, l’ha trovata vandalizzata dalla scritta «N***o di merda», tracciata con un pennarello verde sul cofano, poco lontano dall’adesivo, ben visibile, della Croce Rossa.

Nganso è infatti un medico della Croce Rossa Italiana impegnato nell’Area salute del comitato nazionale, ed è stata proprio la Cri a raccontare l’accaduto all’agenzia Adnkronos. Il trentunenne ha subito sporto denuncia. «Sto in Italia da quando avevo 19 anni. In tredici anni di aggressioni razziste ne ho subìte tante», ha detto il medico in un’intervista al Corriere ricordando un episodio avvenuto l’anno scorso.

A gennaio 2018 Nganso era in servizio alla Guardia medica di Cantù (Lombardia) e una donna si è rifiutata di farsi seguire dal medico di origini camerunesi per motivi razzisti. Al tempo, Nganso riportò l’episodio sui social network, rispondendo «Ti ringrazio, ho un quarto d’ora in più per bere il caffè».

«Il clima è ormai irrespirabile, solo pochi giorni fa abbiamo avuto il volontario aggredito a Loano, gli episodi sono sempre più frequenti e di un’intensità davvero preoccupante», ha sottolineato il presidente nazionale della Croce Rossa, Francesco Rocca. «Andi è la nostra città e tutti noi non meritiamo questo. La nostra solidarietà e il nostro essere sempre ogni giorno in campo contro ogni forma di razzismo sono e saranno la nostra risposta», ha invece affermato la presidente della Croce Rossa Italiana di Roma, Debora Diodati.

Leggi anche: