Milan, col Brescia ci pensa Calhanoglu (1-0). Ma è allarme punte

Il turco decide la partita nel primo tempo. André Silva e Piatek fanno staffetta e condividono gli errori

Basta un gol di Calhanoglu al 12′ per piegare il Brescia e regalare i primi tre punti stagionali a un Milan in crescita, anche se ci voleva poco dopo la brutta prestazione di Udine. Il turco decide di testa, e su assist di Suso, una partita che avrebbe potuto avere anche un attivo più ampio, se solo gli avanti rossoneri, prima André Silva, poi Piatek, non avessero sbagliato qualcosa di molto simile all’impossibile.

La rivoluzione

Il gol di Calhanoglu è una testata al passato recente del turco, che al Milan non ha mai tenuto fede alle promesse con le quali, e per quali, era stato preso. Il suo colpo di testa è una anomalia nel repertorio della casa, come anomalo è lo schieramento iniziale che Giampaolo utilizza contro il Brescia: un 4-3-2-1 con Suso e Castillejo a supporto di André Silva e Piatek a sorpresa in panchina.

I rossoneri si presentano, di fatto, con la linea offensiva guidata da tre calciatori fino a qualche giorno fa considerati in esubero (André Silva era stato addirittura venduto al Monaco, per poi non superare le visite mediche). Un attacco a sorpresa che ripaga Giampaolo con le buone prestazioni dei due spagnoli (anche se Suso tende sempre ad allargarsi, e da lì sforna l’assist vincente).

La rete di Calhanoglu, che diventa da tre punti anche per un incredibile errore sotto porta di Bisoli davanti a Donnarumma, è una ventata di ottimismo ma anche la radiografia della sterilità offensiva dei rossoneri. André Silva, che esce dopo 60′ tra un bel po’ di fischi, si divora un gol fatto sull’1-0. E Piatek che lo sostituisce fa altrettanto nel finale, sbagliando due volte davanti a Joronen (che ci mette tantissimo del suo sul secondo tiro) e dimostrando di essere ancora lontano dal giocatore che si è laureato vicecapocannoniere della serie A solo qualche mese fa.

Il Milan s’interroga, si gode la qualità di un super Bennacer in mezzo al campo e si rammarica per il palo colpito quasi sul gong da Paquetà. Col Brescia è 1-0, prima vittoria. Aspettando l’ultimo assalto per Correa e qualche gol in più dai centravanti.

Foto articolo: @acmilan – Twitter