Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Un «immigrato» in bicicletta danneggia un tram a Padova o Milano? No, ma lo fanno credere

Il fatto non è avvenuto a Padova o a Milano e non si ha certezza che l’uomo sia un immigrato

Alessandra Cappellari, consigliere regionale della Lombardia della Lega, pubblica lunedì 16 settembre 2019 alle ore 18:02 un video dal titolo «PADOVA: IMMIGRATO IN BICICLETTA SULLA PISTA DEL TRAM»:

Il video pubblicato dalla consigliera Alessandra Cappellari. Secondo lei il fatto era successo a Padova.

Il riferimento a Padova è stato rimosso solo nel post, rimanendo però sul titolo del video. Ecco la cronologia delle modifiche che Facebook fornisce a chiunque:

Il riferimento a Padova è stato rimosso il 16 settembre 2019 alle ore 22:40.

Infatti, il fatto non è avvenuto a Padova. Il video circola online da qualche giorno, come possiamo vedere dal tweet di Imam Mohamad Tawhidi del 16 settembre alle ore 11:04 e quello del 15 settembre alle ore 18:19 dell’account «Neighborhood Good Guy» che scrive «Viva La France»:

Uno dei video pubblicati prima della consigliera lombarda con un altro riferimento geografico: la Francia.

L’account Twitter FranceNews24 aveva pubblicato il video alle ore 8:34 del 15 settembre 2019:

Il video pubblicato il 15 settembre da FranceNews24.

Il video circolava già il 14 settembre, come possiamo vedere dal seguente tweet dell’utente Marlins:

Uno dei tweet che circolavano il 14 settembre 2019.

Il fatto è avvenuto a Villeneuve-la-Garenne, nei pressi della stazione Chemin des Reniers, sabato 14 settembre 2019 intorno alle ore 9:15. L’uomo in bicicletta stava transitando nella linea del tram in segno di protesta contro l’autista che non lo aveva fatto salire a bordo con il mezzo. Nel momento in cui inizia a suonargli contro per levarsi di torno lasciando passare il tram, l’uomo in bicicletta si ferma e decide di danneggiare i tergicristalli del mezzo pubblico per poi andarsene.

La via del tram da Google Street View.

La linea RATP ha ricordato che il conducente può rifiutare l’accesso a un utente con la sua bicicletta e ha presentato denuncia contro l’uomo che, al momento, non è stato ancora identificato e non è possibile sapere se è un immigrato o un cittadino francese.

Perché Padova?

A condividere il video prima della consigliera regionale della Lombardia era stato il parlamentare leghista – e già sindaco di Padova – Massimo Bitonci via Facebook alle ore 15:44 del 15 settembre 2019:

Robe da matti…un immigrato in sella ad una bici, ha occupato il binario del tram, e non contento, con un’arroganza e una violenza inaudita, ha danneggiato i tergicristalli del mezzo pubblico. #senzarispetto…vergogna!

Il post Facebook di Bitonci.

Considerando il passato incarico padovano di Bitonci è possibile che la consigliera lombarda Alessandra Cappellari abbia pensato che il fatto riguardasse la cittadina veneta, ma è curioso che inizialmente il deputato leghista avesse puntato il dito sulla città di Milano. Ecco la cronologia delle modifiche del suo post fino al momento in cui rimuove ogni riferimento geografico:

Ore 15:44 del 15 settembre: «Milano, robe da matti…un immigrato in sella ad una bici, ha occupato il binario del tram, e non contento, con un’arroganza e una violenza inaudita ha danneggiato i tergicristalli del mezzo pubblico. #senzarispetto…vergogna!»

Ore 19:08 del 15 settembre: «Robe da matti…un immigrato in sella ad una bici, ha occupato il binario del tram, e non contento, con un’arroganza e una violenza inaudita, ha danneggiato i tergicristalli del mezzo pubblico. #senzarispetto…vergogna!»

Le modifiche del post di Bitonci dove inizialmente indicava come luogo Milano.

Il post Facebook era stato poi ripreso da Il Gazzettino:

L’articolo de Il Gazzettino di Padova che riprende il post di Bitonci.

Così anche da Il Giornale:

L’articolo de Il Giornale che riprende Bitonci.

Prima ancora di Bitonci era stato il deputato della Lega Emanuele Cestari a condividere il video, il 14 settembre alle ore 20:02, ma senza riferimenti geografici e senza modifiche al post:

Il post di Emanuele Cestari del 14 settembre sera.

Leggi anche: