Single adotta due bambini africani: Voxnews associa la vicenda a Bibbiano e augura il carcere al genitore

Riconosciuta l’adozione di due bimbi da parte di un single, ma lui è gay e i bambini di colore: Voxnews invoca il carcere

L’odio del sito xenofobo Voxnews verso i «non italiani», soprattutto se «non bianchi», viene dimostrato per l’ennesima volta attraverso un articolo dell’undici agosto 2019 dal titolo «Effetto Bibbiano: magistrato rom approva adozione single di 2 africani». Un titolo palesemente clickbait adatto al suo pubblico che salta dalla sedia non appena legge «magistrato rom».

L’articolo di Voxnews.

L’autore dell’articolo, già frequentatore del forum ultra razzista Stormfront oscurato in Italia, contesta a modo suo e in chiave puramente politica la decisione del Tribunale di Roma in merito all’adozione di due bambini del Sud Africa da parte di un genitore single:

I magistrati italiani continuano ad inventarsi leggi tutte loro. La legge italiana vieta l’acquisto di bambini all’estero? Loro non indagano i parlamentari gay del Pd che se li sono andati a comprare in Nordamerica.

La legge italiana vieta ai single di ‘adottare’ bambini, loro se ne fregano.

Non c’è più il Sudafrica di una volta. Ma l’importante è che continui a vivere lì, con loro.

Si tratta della storia di Giona Tuccini, professore di italianistica che vive e insegna a Città del Capo dove ha adottato due orfani nonostante sia single. Questo perché in Sud Africa è consentita l’adozione monoparentale, una circostanza per il quale l’autore di Voxnews inorridisce: guai se un single adotta un bambino, figuriamoci due e per giunta africani e «non bianchi».

Alcuni dei commenti all’articolo condiviso su Facebook: «Ma che schifo! Da denunciare! Giù le mani dai bambini! Aboliamo la legge Cirinnà!!»

Hanno violato la legge italiana? No

Secondo l’autore di Voxnews si tratta di un vero e proprio «acquisto» di bambini compiuto all’estero, un atto diffamatorio nei confronti del docente italiano Tuccini. La legge italiana vieta ai single di adottare bambini? Partiamo dalla legge 184/83 dove all’articolo 44 viene disciplinata l’adozione per le persone non coniugate:

ART. 44.
I minori possono essere adottati anche quando non ricorrono le condizioni di cui al primo comma dell’articolo 7:
a) da persone unite al minore, orfano di padre e di madre, da vincolo di parentela fino al sesto grado o da rapporto stabile e duraturo preesistente alla perdita dei genitori;
b) dal coniuge nel caso in cui il minore sia figlio anche adottivo dell’altro coniuge;
c) quando vi sia la constatata impossibilita’ di affidamento preadottivo.
L’adozione, nei casi indicati nel precedente comma, e’ consentita anche in presenza di figli legittimi.
Nei casi di cui alle lettere a) e c) l’adozione e’ consentita, oltre che ai coniugi, anche a chi non e’ coniugato.
Se l’adottante e’ persona coniugata e non separata, il minore deve essere adottato da entrambi i coniugi.
In tutti i casi l’adottante deve superare di almeno diciotto anni l’eta’ di coloro che intende adottare.

Appellandosi a questo articolo Giusi D’Agostino, impiegata comunale palermitana, era riuscita ad adottare nel 2018 una ragazzina della Tanzania rimasta orfana di entrambi i genitori. Il giudice minorile, dopo aver incontrato Giusi e Otta insieme e poi separatamente, ha ratificato l’adozione che era già in corso nel paese d’origine della bambina.

Alcuni dei commenti all’articolo condiviso su Facebook: «Ecco chi comanda in Italia grazie al pd ed ora anche ai 5S rivotateli se volete scomparire tutti massacrati.»

Per il caso di Giona Tuccini il giudice romano – non «rom» come riporta nel titolo l’articolo di Voxnews, che lo fa apposta per aizzare i suoi lettori – aveva riconosciuto le due adozioni africane in nome dell’interesse superiore del minore, in accordo con la Convenzione dell’Aja del 1993 sulla protezione dei minori. Ecco il commento dell’avvocato Romina Sestini che ha seguito il caso:

Con provvedimento 2233/19 Cron. del 4 marzo 2019, il Tribunale per i Minorenni di Roma ha riconosciuto “ad ogni effetto e con effetti di adozione piena la sentenza di adozione” di due Tribunali esteri di due minori stranieri, adottati da un solo genitore italiano, residente all’estero. È la prima volta in Italia che viene emesso un simile provvedimento e io sono orgogliosa di esser riuscita a ottenere questo risultato.

Il post Facebook dell’avvocato di Tuccini.

Voxnews: «Non c’è più il Sudafrica di una volta»

Un altro punto sul quale punta l’autore di Voxnews è l’omosessualità di Giona Tuccini, dichiarata in un’intervista a Gaynews,it:

Da padre gay, single e immigrato come valuta la situazione italiana?

Ammetto che fino a non troppo tempo fa avevo pensato di ristabilirmi in Italia, ma ragionandoci bene, con questi chiari di luna, non me la sento: fin troppo spesso, sulle testate nazionali, leggo fatti di cronaca a dir poco ripugnanti, di persone omosessuali, donne, uomini e bambini stranieri che vengono discriminati, offesi e in certi casi attaccati fisicamente. Dopo la sentenza emessa dal Tribunale dei Minori di Roma, in seguito al ricorso preparato dall’avvocata Romina Sestini, il problema che riguarda il mio nucleo familiare “bello variopinto” non è l’italianità o il rimpatrio, ma è un altro: l’accettazione del “diverso” e dello straniero nella nostra nazione.

Non a caso Voxnews riporta a inizio articolo l’appello di perseguire penalmente gli omosessuali che «comprano i bambini», associando il tutto anche al caso Bibbiano citato nello stesso titolo dell’articolo diffamatorio. Come mai si lamenta del perché «non c’è più il Sudafrica di una volta»? Giona Tuccini elogia le conquiste della società sudafricana post-apartheid, orientata verso i diritti umani, ma prima di allora la musica era tutt’altra: infatti, l’omosessualità era punita fino a sette anni di prigione.

Leggi anche: