Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Uccisa l’attivista siriana Hevrin Khalaf, ma in molti pubblicano la foto sbagliata

Messaggi di cordoglio per l’attivista siriana, ma in tanti pubblicano la foto di una omonima viva e vegeta

La 35enne Hevrin Khalaf, segretaria generale del Partito Futuro siriano e attivista per i diritti delle donne in Siria, è stata uccisa dalle forze filo-turche il 13 ottobre 2019. Numerosi i post social di indignazione e cordoglio per la scomparsa della giovane donna, ma qualcosa non quadra.

Una foto di Hevrin Khalaf.

Nella pagina Facebook di +Europa troviamo un post, pubblicato il 13 ottobre alle 17:27, con la seguente foto:

Il post Facebook di +Europa dedicato a Hevrin Khalaf, ma qualcosa non quadra.

La stessa foto è stata usata da molti utenti, anche da personaggi noti come il giornalista Paolo Borrometi su Twitter:

Il tweet di Paolo Borrometi con la foto della presunta Hevrin Khalaf.

Scopriamo che la ragazza nella foto è Rana Marcel Khalaf, ricercatrice presso l’Università di Manchester:

Il profilo Linkedin di Rana Marcel Khalaf.

Quello che accomuna Rana con Hevrin è la Siria in quanto la ricercatrice è autrice di diverse pubblicazioni sul paese mediorientale. Hevrin, invece, è nata e ha studiato in Siria presso l’Università di Aleppo dove si è laureata presso la facoltà di ingegneria civile nel 2009.

Il profilo di Rana nel sito dell’Università di Manchester.


Tra i primi a condividere la foto è stata Flavia Perina il 13 ottobre 2019 alle ore 13:07.

Il post Facebook di Flavia Perina con la foto di Rana.

Come è possibile che sia accaduto? Cercando su Google Images usando la parola chiave «Khalaf» otteniamo tra le prime immagini quella di Rana:

La foto di Rana compare tra le prime con Google Images cercando con la parola chiave «Khalaf».

L’immagine scovata con Google Images è stata caricata da Rainews nella galleria – la seconda foto – dell’articolo del 13 ottobre 2019:

La foto di Rana pubblicata da Rainews per parlare di Hevrin.

La foto di Rana è stata usata anche questa mattina da Il Giornale:

L’articolo del 14 ottobre de Il Giornale con la foto di Rana.

Anche CorriereTV pubblica un video dove alla fine viene mostrato il volto di Rana:

Verso la fine del video di CorriereTV viene mostrato il volto di Rana.

«È estremamente sgradevole», mi risponde via email Rana Marcel Khalaf che da ieri sta cercando di informare i media italiani del problema in modo da trovare una via d’uscita a questa situazione.

Leggi anche: