Conte infuriato con Salvini: «Miserabile speculare su omicidio Roma»

Il presidente del Consiglio ha risposto con sdegno alle dichiarazioni di Salvini. Il leader della Lega ha fatto un collegamento tra la morte di Luca Sacchi e i tagli (presunti) alla sicurezza da parte del governo

Matteo Salvini, si sa, ha la grande abilità di intercettare i temi caldi dell’opinione pubblica e commentarli con argomentazioni e slogan divisivi. L’ultimo, in ordine cronologico, riguarda la morte di Luca Sacchi: il ragazzo di 24 anni è stato ucciso con un colpo di pistola dopo aver reagito a una rapina in zona Caffarella, a Roma.

«Oggi, commosso e addolorato, prego per Luca e sono vicino alla sua famiglia. Ma sono anche incredulo e sdegnato perché è inconcepibile quello che è accaduto – ha dichiarato Matteo Salvini -. Da ex ministro dell’Interno fa ancora più male vedere tutta l’insicurezza della Capitale governata dai 5 stelle e i tagli disastrosi che Renzi, Conte e Zingaretti fanno al fondo per le forze dell’ordine».

Lo sdegno per l’affermazione ha coinvolto molti politici, primo tra tutti il presidente del Consiglio Giuseppe Conte: «Se qualcuno si permette di fare speculazione in campagna elettorale su un episodio del genere, io lo trovo miserabile».

E sui tagli alla sicurezza a cui si riferisce Salvini, Conte smentisce categoricamente: «Ieri abbiamo varato gli stanziamenti aggiuntivi per gli straordinari alle forze dell’ordine per il 2018, e indovinate chi doveva farlo e non l’ha fatto…».

Sullo stesso tema: