Attacco ad Halle, riapre il negozio di kebab. Il vecchio proprietario: «Spero arrivino tanti clienti di diverse religioni e culture»

Il proprietario ha ceduto l’attività a due dipendenti dopo che un uomo è stato ucciso nel suo negozio da un terrorista neonazista: «Auguro loro la forza necessaria per superare gli orribili fatti del 9 ottobre»

Kiez Döner, il negozio di kebab di Halle, in Germania, ha riaperto per la prima volta dopo che un uomo di 20 anni è stato ucciso all’interno del fast food da un estremista di destra il 9 ottobre scorso. Il proprietario, Izzet Cagac, ha ceduto l’attività ai due fratelli dipendenti – che lavoravano per il negozio prima della chiusura dovuta alla tragedia – in occasione della cerimonia di riapertura avvenuta oggi, 16 novembre.


«Auguro ai miei successori», ha scritto il proprietario in una lettera pubblicata su Zeit e su Der Spiegel ai fratelli ai fratelli Ismat e Rifat Tekin, «la forza necessaria per superare gli orribili fatti del 9 ottobre e spero che possano avere molti clienti appartenenti a culture e religioni diverse».

La vetrina del negozio Foto: Epa

Durante l’attentato del mese scorso un terrorista neonazista ha ucciso due passanti dopo aver tentato invano di attaccare una sinagoga durante la festa dello Yom Kippur.

Reiner Haseloff, il premier del länder della Sassonia-Anhalt ha partecipato alla riapertura del negozio di kebab e ha sottolineato l’importanza di un nuovo inizio. Haseloff è stato anche il primo cliente del locale riaperto dopo l’attacco, e ha mangiato un kebab alle 10 di mattina con l’ex proprietario Cagac.

Leggi anche: