Ilaria Cucchi, replica durissima a Salvini: «Anch’io contraria alla droga come ai rimborsi fasulli»

La sorella di Stefano Cucchi replica al leader della Lega con evidentemente riferimento ai 49 milioni di finanziamenti pubblici che il Carroccio è stato condannato a risarcire

Botta e risposta fra Ilaria Cucchi e Matteo Salvini. La sorella di Stefano Cucchi risponde a stretto giro alle parole e del leader della Lega a commento della querela nei suoi confronti presentata dalla donna. «Salvini mi paragona a Casamonica? Ai proiettili che gli hanno mandato? Insiste sul tema droga a commento della sentenza che condanna coloro che hanno pestato Stefano per omicidio preterintenzionale?».


«Anch’io sono contraria alla droga come alle truffe ai danni dello Stato – ha continuato Cucchi, come riporta Agi, con riferimento evidentemente ai 49 milioni (poi ridotti a 19) di euro di finanziamento pubblico che la Lega è stata condannata a restituire e agli investimenti in pietre preziose del Carroccio – come alla corruzione come ai rimborsi fasulli a spese dei cittadini normali come me che pagano le tasse e non hanno 80 anni per mettersi in pari. E non amo i diamanti».

Salvini aveva dichiarato poco prima: «Dopo Carola Rackete, mi querela la signora Cucchi? Nessun problema, sono tranquillissimo, dopo le minacce di morte dei Casamonica e i proiettili in busta, non è certo una querela a mettermi paura». E rilancia: «Spero che il Parlamento approvi subito la legge “droga zero” proposta dalla Lega, per togliere per sempre ogni tipo di droga dalle strade delle nostre città».

Nel mirino di Cucchi le dichiarazioni di Salvini a commento della sentenza di condanna a 12 anni dei due carabinieri considerati responsabili della morte del fratello Stefano. Il leader della Lega aveva sostenuto che il caso avrebbe dimostrato che «la droga fa male».

Leggi anche: