Manovra, Iva agevolata al 10% per i preservativi e al 5% per gli assorbenti biodegradabili tra gli emendamenti dei 5 Stelle

«Consente di ridurre parecchio la spesa necessaria rispetto alla riduzione sugli assorbenti tout court», viene spiegato nella nota illustrativa

Il Movimento 5 stelle propone un’Iva agevolata per i «profilattici maschili e femminili». Un emendamento a firma del senatore pentastellato Gaspare Antonio Marinello prevede che si applichi l’Iva agevolata al 10% ai prodotti anticoncezionali. Il costo della misura è stimato in 50 milioni di euro l’anno.

E c’è un altro emendamento, sempre a firma 5 Stelle, che prova a dare una prima risposta alle richieste, ormai annose, della società civile sulla riduzione dell’Iva degli assorbenti, oggi tassati come i beni di lusso.

La proposta, prevista in un altro emendamento del M5S alla legge di bilancio, vuole ridurre l’Iva dal 22% al 5% per i prodotti igienici femminili che siano completamente biodegradabili.

«Ciò consente di ridurre parecchio la spesa necessaria rispetto alla riduzione sugli assorbenti tout court», viene spiegato nella nota illustrativa, «avendo il pregio di salvaguardare l’ambiente e incentivare mercato e produttori verso scelte sostenibili».

Il 14 novembre la commissione Finanze della Camera aveva riammesso l’emendamento sulla legge fiscale presentato giorni fa dalla deputata Laura Boldrini sulla riduzione dell’Iva al 10% sugli assorbenti anziché al 22%, aliquota riservata ai beni di lusso.

Oggi è l’ultimo giorno utile per depositare gli emendamenti alla manovra in commissione Bilancio al Senato: i grillini ne hanno depositati 400, mentre da fonti Dem si apprende che il Pd ne avrebbe depositati circa 900.

Leggi anche: