Iran, il premio Nobel per la pace Ebadi: «Fino a 300 morti nelle proteste»

Il blocco di internet sta impedendo la diffusione delle informazioni in merito alla repressione dei manifestanti

I morti nelle manifestazioni dell’ultima settimana in Iran «potrebbero arrivare fino a 300», mentre si stima che le persone arrestate siano «molte di più» delle mille dichiarate dalle autorità. A parlare, in un’intervista telefonica all’agenzia di stampa Agi, è la premio Nobel iraniana per la pace, Shirin Ebadi, che ha fatto un bilancio degli scontri durante le proteste nate contro il rincaro della benzina.

Ebadi ha sottolineato che, per via del blocco di Internet in vigore ancora «all’85%» nel Paese, non possono essere fornite cifre precise. La stessa tesi è stata sostenuta da Amnesty International, che ha accusato il governo iraniano di aver bloccato il web per evitare la diffusione di informazioni sulle violenze.

Proprio in merito al blocco, l’amministrazione statunitense di Trump ha varato nuove sanzioni contro l’Iran, colpendo il ministro dell’informazione, accusato di censura durante le manifestazioni antigovernative degli ultimi giorni.

La repressione dei manifestanti

L’avvocatessa, impegnata a denunciare costantemente la violazione dei diritti umani nel suo Paese, ha spiegato che le persone arrestate, «di cui non si sanno i nomi», non sono ancora state processate, quindi non sono ancora state eseguite le esecuzioni capitali.

Anche il numero delle vittime è difficile da definire: «Non sappiamo precisamente quante persone siano state uccise, perché internet è staccato e non possiamo vedere i filmati, però le notizie in nostro possesso dicono che i morti possono arrivare fino a 300».

Ebadi – che oggi, 23 novembre, parteciperà a un evento organizzato dall’Università di Verona – ha spiegato che la «repressione molto forte» contro i manifestanti potrebbe portare presto alla fine delle proteste.

«Gli agenti sparano subito e in modo diretto e il popolo non può resistere molto davanti alle pallottole», ha detto. «È possibile che anche queste proteste finiscano, ma questo non vorrà dire che la situazione in Iran tornerà tranquilla. Gli eventi di questi giorni seguono proteste precedenti e tra qualche mese potremmo avere proteste molto più forti. L’Iran è come un vulcano che dorme, ma può risvegliarsi ed eruttare in ogni momento».

Foto di copertina: Ansa, manifestanti a Berlino a sostegno delle proteste in Iran

Leggi anche: