E alla fine sono gli Agnelli a riprendersi La Stampa e a comprare Repubblica e L’Espresso

di OPEN

Sarà la finanziaria della famiglia Agnelli, Exor, a prendere il controllo del gruppo Gedi

Clamorosa svolta nel mondo dei giornali: poche settimane dopo l’infruttuoso tentativo di Carlo De Benedetti di riacquistare il controllo del gruppo Gedi, che edita La Repubblica, L’Espresso, La Stampa, Il Secolo XIX e numerosi giornali locali, sarà la finanziaria della famiglia Agnelli, Exor, a prendere il controllo della società, acquisendo le azioni detenute da Cir, la storica finanziaria della famiglia De Benedetti, sotto controllo dei figli di Carlo, da tempo in rotta col padre. Uno di loro, Marco, è attualmente presidente della società editoriale.

Da tempo circolava la voce dell’interessamento di John Elkann, che guida gli interessi azionari della famiglia Agnelli, a riacquisire un ruolo più diretto nel panorama dell’editoria (anche se Exor ha un ruolo forte nella proprietà del prestigioso settimanale inglese The Economist).

John Elkann

Stasera, su richiesta della Consob, l’organismo che vigila sulle società quotate in borsa, Cir ha emesso un comunicato:

«In riferimento alle indiscrezioni apparse su alcuni organi di stampa riguardanti la partecipazione di CIR – Compagnie Industriali Riunite S.p.A. in GEDI, su richiesta della CONSOB Cir informa che sono in corso discussioni con Exor concernenti una possibile operazione di riassetto dell’azionariato di GEDI che condurrebbe all’acquisizione del controllo su GEDI da parte di EXOR. Il Consiglio di Amministrazione di CIR è convocato per il prossimo lunedì 2 dicembre per l’esame di tale possibile operazione e all’esito dello stesso saranno fornite al mercato le opportune
comunicazioni».

Tradotto: lunedì sarà cosa fatta.

Fonte immagini: http://www.gedispa.it/

Leggi anche: