Forza Nuova denuncia Pizzarotti perché per manifestare a Parma bisogna dichiararsi antifascisti

«Forza Nuova mi ha appena denunciato perché a Parma, per utilizzare sale pubbliche, bisogna dichiararsi per la Costituzione italiana e dirsi antifascisti. Loro si rifiutano, evidentemente perché sono orgogliosi di essere fascisti», ha replicato il sindaco

Il 4 dicembre 2019 da un articolo di Parmapress24.it si apprende che Forza Nuova ha denunciato il sindaco di Parma Federico Pizzarotti e il consiglio comunale. Il motivo? Perché avrebbero negato il diritto di manifestare al partito di Roberto Fiore, il quale dichiara:


Saremo di fronte al tribunale di Parma, per denunciare il sindaco Pizzarotti e il consiglio comunale responsabili di aver bloccato con il pretesto della “mozione antifascista”, il nostro pieno diritto di manifestare nelle piazze della nostra città, negando al movimento politico Forza Nuova la concessione del suolo pubblico, per la diffusione di idee politiche.

La risposta di Pizzarotti alla notizia di denuncia di Forza Nuova.

Il sindaco di Parma, di fronte alla notizia di denuncia, risponde con un post Facebook spiegando le motivazioni:

Forza Nuova mi ha appena denunciato perché a #Parma, per utilizzare sale pubbliche, bisogna dichiararsi per la Costituzione italiana e dirsi antifascisti. Loro si rifiutano, evidentemente perché sono orgogliosi di essere fascisti. Ma non a Parma, Medaglia d’oro alla Resistenza, finché sarò il sindaco. Per me la denuncia di Forza Nuova è una medaglia al valore. Non un passo indietro.

Roberto Fiore fotografato durante una manifestazione a Roma il 2 marzo 2018. Foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Non è una novità! Tale decisione era stata approvata a Parma nel novembre 2018 e sul sito del Comune è tutto riportato all’interno del Regolamento Cittadinanza Attiva dove è presente la sottoscrizione di collaborazione tra comune e cittadini. Ecco cosa riporta l’articolo 5 punto 4:

Con la sottoscrizione del patto di collaborazione il/i proponente/i dichiara/no inoltre:

a) di riconoscersi nei principi costituzionali democratici e di ripudiare il fascismo e il nazismo;

b) di non professare e non fare propaganda di ideologie nazifasciste, xenofobe, integraliste, sessiste o in contrasto con la Costituzione e la normativa nazionale di attuazione della stessa (XII disposizione transitoria e finale della Costituzione Italiana, art.4 L. 20 giugno 1952 n. 645, L. 25 giugno 1993 n. 205 e loro eventuali successive modifiche);

c) di non perseguire finalità antidemocratiche, esaltando, minacciando o usando la violenza quale metodo di lotta politica o propugnando la soppressione delle libertà garantite dalla Costituzione o denigrando la democrazia, le sue istituzioni e i valori della Resistenza;

d) di non compiere manifestazioni esteriori di carattere fascista e/o nazista, anche attraverso l’uso di simbologie o gestualità a essi chiaramente riferiti.

Il punto 4 dell’articolo 5 che riporta le richieste del Comune di Parma.

Facciamo un esempio. Di fronte a un regolamento come questo, in cui è vietato «compiere manifestazioni esteriori di carattere fascista e/o nazista, anche attraverso l’uso di simbologie o gestualità a essi chiaramente riferiti», Forza Nuova non potrebbe manifestare a Parma con le bandiere e i simboli fascisti e/o nazisti come è avvenuto il 25 aprile 2019 a Roma:

Manifestanti di Forza Nuova con bandiere e striscioni durante il sit-in nel giorno della Festa della Liberazione davanti al tribunale di Roma per protestare contro l’arresto dei militanti Castellino e Nardulli, Roma, 25 aprile 2019. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Foto articolo: “Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova, insieme ai manifestanti di Forza Nuova con bandiere e striscioni durante il sit-in nel giorno della Festa della Liberazione davanti al tribunale di Roma per protestare contro larresto dei militanti Castellino e Nardulli, Roma, 25 aprile 2019”. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Leggi anche: