Sardine, lo psicodramma su CasaPound: anche gli organizzatori di Bologna si smarcano dall’apertura di Ogongo

«Le piazze delle sardine si sono fin da subito dichiarate antifasciste e intendono rimanerlo. Nessuna apertura a CasaPound, né a Forza Nuova. Né ora né mai», dicono i 4 “fondatori” bolognesi

«Le piazze delle sardine si sono fin da subito dichiarate antifasciste e intendono rimanerlo. Nessuna apertura a CasaPound, né a Forza Nuova. Né ora né mai». Dopo la dichiarazione di uno degli organizzatori della manifestazione delle Sardine a San Giovanni del prossimo 14 dicembre, Stephen Ogongo, la chiusura con una nota ufficiale del movimento romano, e CasaPound che, attraverso le parole di Simone di Stefano, si dice disposta scendere in piazza, arriva quella che sembrerebbe la parola definitiva: il no dei quattro organizzatori del flash mod di Bologna, quelli che hanno dato il via alle iniziative.

Il chiarimento arriva con un post sulla pagina Facebook ufficiale del movimento e porta in calce le firme di «Andrea, Giulia, Mattia, Roberto e tutte le sardine» e gli espliciti hashtag #ItaliaNonAbbocca e #ItaliaNonDimentica.

Le piazze delle sardine si sono fin da subito dichiarate antifasciste e intendono rimanerlo. Nessuna apertura a…

Gepostet von 6000 sardine am Dienstag, 10. Dezember 2019

«Stephen Ogongo ha commesso un’ingenuità», spiegano le Sardine citando l’apertura dell’organizzatore di Roma al il Fatto Quotidiano. «Ci dispiace che il concetto di apertura delle piazze sia stato travisato e strumentalizzato, ma non stupisce – prosegue il post – In questo momento le piazze fanno gola a molti, lo avevamo già detto e lo ripetiamo. Rammarica che questo fraintendimento sia cavalcato da più parti. Ma è giusto dare una risposta netta».

«Dal 14 novembre scorso centinaia di migliaia di persone – chiariscono i 4 “fondatori” – sono scese in piazza proprio contro quei partiti che con le idee e il linguaggio dei gruppi neofascisti e neonazisti flirtano in maniera neanche troppo nascosta». E poi la chiosa inequivocabile: «Le sardine sono antifasciste. Le sardine continueranno a riempire le piazze. Si decida da che parte stare. Noi lo abbiamo già fatto».

Dopo sole tre settimane di vita, un successo di partecipazione nelle piazze, la ribalta mediatica e sondaggi sorprendenti, il Movimento si trova ad affrontare per la prima volta le criticità del suo essere “senza bandiere”. E ciò accade con potenziali compagni di viaggio decisamente divisivi e facilmente individuabili come estranei ai valori fondativi (l’avversità al linguaggio violento della destra) come quelli di CasaPound. La domanda che ora tutti si fanno è quanto e se le Sardine potranno contaminarsi con esperienze più orientate politicamente.

C’è chi già immagina le Sardine come un’alternativa al Movimento 5 Stelle, che pare nella sua parabola discendente. Difficile capire oggi se varrà anche per il giovane movimento quel “né di destra né di sinistra” che è stata, ed è ancora, la bandiera dei pentastellati. E se riusciranno a sintetizzare in qualche modo le varie sensibilità locali che già si sono manifestate.

I sondaggio Ixè del 4 dicembre, che attribuisce alle Sardine un potenziale 7,5%, marca la provenienza elettorale prima di tutto dagli astenuti (2,7%), poi dal Pd (2,4%) e dal M5S (1%): una eterogenità non così diversa da quella del Movimento 5 Stelle di qualche anno fa, di cui Beppe Grillo diceva «questo Movimento è ecumenico. Se un ragazzo di CasaPound ha i requisiti per entrare nel Movimento 5 Stelle, ci entra». Parole non diverse da quelle di Ogongo, da cui però i fondatori (bolognesi) prendono le distanze.

Leggi anche: