Fuga dal M5s, quattro senatori votano contro il Mes: tre sarebbero pronti a lasciare il gruppo

«Non sono mica un criceto», ha detto uno dei senatori dissidenti

A parte Paragone che aveva già annunciato un voto contrario alla risoluzione di maggioranza sul Fondo Salva-Stati, fanno tremare il M5s gli altri tre no di Stefano Lucidi, Francesco Urraro e Ugo Grassi.


Sono i tre nomi finiti sulle pagine dei principali quotidiani italiani come «pronti a lasciare il Movimento per aderire alla Lega». E Proprio loro tre hanno votato in Senato contro la mozione di maggioranza sul Mes a firma anche del M5s e ora sarebbero pronti a uscire dal gruppo per confluire inizialmente al gruppo Misto. Anche se nessuna conferma sull’adesione alla Lega.

«Annuncio il mio voto in dissenso e constato di non riconoscermi più nelle politiche del mio Movimento», ha detto Grassi. Poi ha aggiunto: «Io scendo da un autobus in cui c’era scritto Palermo e invece sta andando a Como. Sta prendendo altra direzione».

«Qualcuno ha detto che le elezioni in Umbria sono state un esperimento. Beh, io non mi sento una cavia né un criceto, quindi esco dalla ruota e voto no», ha detto Lucidi. A votare no sono stati anche Urarro e Paragone. Paragone però ha specificato: «Non è un voto in dissenso prodromico al cambio di gruppo».

Sulla “fuga” dei pentastellati, Matteo Salvini manda un messaggio di apertura: «Le porte della Lega che cresce sono aperte alle donne e agli uomini di buona volontà. Mai col Pd delle tasse e dell’austerità, noi non cambiamo idea», ha detto il segretario della Lega dopo aver replicato a Di Maio sull’apertura «di un mercato delle vacche». In Aula i leghisti hanno anche applaudito i dissidenti del M5s.

Leggi anche: