Salvini indagato per i voli di Stato, le carte al Tribunale dei ministri: nel mirino i viaggi tra impegni istituzionali e comizi elettorali

I giudici contabili avevano archiviato l’indagine sui 35 voli sospetti dell’ex ministro. Ma li avevano comunque considerati illegittimi. Non ci fu danno erariale, ma resta da chiarire se siano stati commessi reati

L’ex vicepremier Matteo Salvini è indagato dalla procura di Roma per abuso d’ufficio nell’inchiesta su alcuni voli di Stato usati quando era ministro dell’Interno. Come riportano Valeria Pacelli sul Fatto quotidiano e Giovanni Bianconi sul Corriere della sera, e come aveva anticipato anche Open, la procura ha iscritto l’ex ministro nel registro degli indagati come “atto dovuto” dopo aver ricevuto il fascicolo dalla Corte dei conti, che già aveva messo nel mirino i viaggi di Salvini fino ad archiviare il fascicolo, e ha poi trasmesso le carte al Tribunale dei ministri, che è competente a indagare su eventuali reati commessi dagli esponenti del governo.

La vicenda nasce da un’inchiesta di Repubblica del 15 maggio scorso relativa ai viaggi di Salvini su aerei di Polizia e Vigili del fuoco tra il 2018 e il 2019, tutti con un comune filo conduttore: appuntamenti istituzionali agganciati ad altri di partito per giustificare l’uso dei velivoli.

Tra i viaggi sospetti individuati da Repubblica c’era, per esempio, quello del 4 gennaio 2019, quando Salvini ha partecipato a una riunione sulla sicurezza a Milano per poi volare a Pescara per un appuntamento elettorale.

Altro caso emblematico è quello del 10 maggio 2019: Salvini parte alle 7 del mattino da Ciampino per Reggio Calabria a bordo di un Piaggio P-180, bimotore noto anche come la “Ferrari dei cieli” per i suoi interni di lusso. Da Reggio, su un elicottero Agusta, passa a Platì per una cerimonia antimafia, poi va a Lamezia Terme e infine a Catanzaro, dove partecipa a un comizio elettorale. La giornata prosegue con un altro volo fino a Napoli, dove Salvini passa dalla prefettura per la conferenza stampa sugli arresti per il ferimento della piccola Noemi, quindi la destinazione finale, a Milano Linate.

I dubbi della Corte dei conti

I giudici contabili avevano individuato 35 trasferte considerate fuorilegge: «20 voli con aereo P-180 e 14 voli con elicotteri in dotazione al Dipartimento di Pubblica sicurezza, nonché un volo con aereo P-180» in dotazione ai Vigili del fuoco.

Quei viaggi, scrivevano i magistrati nel decreto di archiviazione, non hanno comportato nessun danno erariale, visto che usando voli di linea le spese sarebbero state pari se non superiori a quelle dei voli di Stato. Ma secondo la Corte dei conti resta «illegittima la scelta di consentire l’uso dei menzionati velivoli per la finalità di trasporto aereo del ministro e del personale al seguito». Quei voli infatti sono riservati alle cinque massime cariche dello Stato, cioè il presidente della Repubblica, ai presidenti di Camera e Senato, al premier e al presidente della Corte costituzionale. Salvo specifiche autorizzazioni, che non ci sarebbero state.

Sul caso era intervenuto anche il Dipartimento di Pubblica sicurezza che aveva ribadito l’assenza di irregolarità. La vicenda però è rimasta aperta sotto l’aspetto penale, da qui l’apertura del fascicolo da parte della procura romana e quindi il caso finito sul tavolo del Tribunale dei ministri.

Leggi anche: