Fridays for Future, la rabbia dei ragazzi in piazza con Greta: «Noi ci diamo da fare per il clima, voi adulti vi nascondete senza fare niente» – Il video

Greta in piazza a Torino con gli attivisti di Fridays for Future. A manifestare con lei almeno 5mila persone

Sono tanti, almeno 5mila. Sono arrivati silenziosi e piano piano si sono radunati sotto al palco di Piazza Castello, in attesa dell’arrivo di Greta Thunberg. L’attivista svedese, di ritorno dalla Cop 25 di Madrid, ha voluto fare tappa in Italia, a Torino, per raggiungere i ragazzi di Fridays for Future.

Lei, minuta, sale sul palco. Addosso l’inconfondibile impermeabile giallo. Prende parola, si commuove. I ragazzi alzano in aria cartelli, gridano il suo nome. «Dobbiamo combattere per il domani, noi siamo la speranza. Non possiamo fermarci, non è un’opzione», dice Greta. La folla la applaude. Poi, insieme, intonano una canzone per il clima sulle note di Bella Ciao.

EPA/ALESSANDRO DI MARCO

I ragazzi dicono a Open di essere scesi in piazza per «dimostrare di crederci davvero», «per stare vicini a Greta, abbracciarla nella sua battaglia», «perché è importante», «è in gioco il nostro futuro». Un futuro che, sono convinti, si stanno impegnando a cambiare più loro degli adulti.

Credit: Open

A chi li critica e sostiene che le manifestazioni per il clima non servono a niente, rispondono: «Sono giustificazioni dietro alle quali si nascondono gli adulti per non fare niente». E dal palco non manca un duro attacco alla stampa: «Per voi siamo solo i ragazzi di Greta, vi interessa il personaggio, non il contenuto: la lotta per il clima».

Leggi anche: