Meloni attacca le Sardine sui cori anti-Salvini: «Ma non era la piazza dell’amore?»

La leader di FdI: «Ora speriamo di capire quali sono le rivendicazioni della sinistra che scende in piazza»

«È una buona notizia se la sinistra ha deciso di riscoprire la bellezza di scendere in piazza, dopo anni passati nei salotti». Sarcastico il commento di Giorgia Meloni all’Adnkronos sulla manifestazione romana delle Sardine a cui hanno partecipato 100.000 persone secondo gli organizzatori, 35.000 secondo la questura.


«Ora speriamo di capire quali sono le rivendicazioni della sinistra che scende in piazza e soprattutto perché non le attuano visto che sono al governo della nazione», ha continuato la leader di FdI.

«Ci aspettiamo che adesso abbiano più rispetto per chi le piazze le continua a mobilitare da sempre, come accaduto per FdI a piazza Montecitorio e per il centrodestra a San Giovanni», ha aggiunto, in riferimento alla manifestazione contro il governo M5s-Pd organizzata a ottobre.

Più dura Giorgia Meloni sui cori intonati da alcune sardine, alcuni dei quali hanno chiamato in causa forze politiche precise: «Ma non era la piazza dell’amore?» chiede. La Lega aveva già reagito al video di un coro che immortalava i manifestanti che cantavano «odio la Lega» affermando: «Al loro odio rispondiamo con il sorriso e la forza delle idee».

Leggi anche: