Congresso Lega, la rivoluzione annunciata di Salvini: addio Padania, Bossi è solo un’ombra. E nasce una bad company per i 49 milioni

La svolta è stata graduale: sono passati 6 anni da quando Salvini vinse le primarie contro il Senatùr, scalzandolo dalla segreteria del partito «per l’indipendenza della Padania». Adesso, la rimozione del sogno di un Nord svincolato da «Roma ladrona» è riuscita, anche nell’immaginario dei militanti

Oggi, nella periferia a nord di Milano, la Lega cancellerà il suo passato per rinascere con colori, simboli e uomini diversi. La mossa definitiva di Matteo Salvini è ineluttabile: non potrebbe più esistere una Lega senza di lui. E l’ex ministro dell’Interno, a cui va riconosciuto il miracolo di aver portato il partito oltre il 30% dei consensi, ha deciso che l’ampolla del Po e il sole delle Alpi devono essere messi in soffitta.


Nello stesso sottotetto finisce anche Umberto Bossi, dimenticato fondatore del soggetto politico che nel 1989, sotto il nome di Lega Nord, riuniva sei movimenti regionalisti: la Lega Lombarda, la Liga Veneta, il Piemònt Autonomista, l’Union Ligure, la Lega Emiliano-Romagnola e l’Alleanza Toscana. Di quella propulsione secessionista, di quella repulsione per il Meridione e Roma, il partito di Salvini oggi non ha più bisogno: perché rinunciare a un elettorato che si è diffuso dalla settentrionalissima Predoi fino a Lampedusa?

Dalle sei leghe alle 20 segreterie “Salvini premier”

Tanto la parola Nord quanto l’iconico verde, dal 21 dicembre, spariranno dalla simbologia leghista. Definitivamente: il partito, costituito come Lega Nord, lascerà spazio alla Lega Salvini premier. La nuova entità politica si configurerà come una federazione di partiti regionali. Le 20 segreterie, con indicazioni territoriali come “Lega Puglia Salvini premier” e “Lega Lombardia Salvini premier”, saranno autonome da un punto di vista finanziario. Ognuna avrà un suo conto corrente e un suo statuto.

La “good Lega” e la “bad Lega”

L’escamotage dell’autonomia finanziaria dei vari partiti regionali servirà a non gravare, nel caso di problemi di natura economica, sulla segreteria nazionale di Salvini. Ma non è la sola “sofisticata” operazione finanziaria che sarà al centro del congresso di oggi 21 dicembre. Come per le banche e per le aziende, la vecchia Lega Nord diventerà la bad company, con a carico i 49 milioni di euro rateizzati in rate da circa 600 mila euro da restituire in 75 anni. La Lega Salvini Premier, invece, sarà libera di muoversi senza il fardello dell’inchiesta giudiziaria sui rimborsi elettorali.

Ei fu il partito del Senatùr

Senza bruschi colpi di mano, ma comunque in una sola mossa, Salvini seppellisce 30 anni di Lega Nord. «Il nostro popolo è pronto ad attaccare – diceva, esattamente 12 anni fa, Umberto Bossi -. Si dice che il Paese stia andando a fondo, ma io conosco un solo Paese, che è la Padania. Dell’Italia non me ne frega niente».

L’Italia intera, invece, oggi fa gola a Salvini. La vecchia classe dirigente e lo stesso fondatore potranno restare nella Lega Nord, che non sarà dissolta, ma svuotata da tutte le energie che saranno convogliate nella Lega Salvini premier.

Passaggi interlocutori

Non ci sarà incompatibilità nell’iscrizione a entrambe le Leghe. Ma è chiaro che la classe dirigente sarà espressa soltanto da quella dipinta di azzurro salviniano. La durata del mandato del segretario sarà allungata da tre a cinque anni.

E per sciogliere la Lega Nord basterà la maggioranza assoluta del consiglio federale, mentre con il vecchio statuto servivano i quattro quinti dei consiglieri. Queste misure sono un passaggio fondamentale per arrivare al vero congresso, quello del 2020, in cui si voterà lo statuto della nuova Lega.

Che fine fa Umberto Bossi?

Il leader del sogno padano subisce un’altra spallata verso il dimenticatoio. Resterà «presidente federale a vita e garante dell’unità della Lega Nord», ma i suoi poteri saranno fortemente limitati.

A differenza dello statuto precedente, quello del 2015, Bossi non potrà mai più subentrare al segretario di via Bellerio. In nessun caso. Rimosso anche il passaggio in cui si affidava a Bossi il compito di «promuovere, con ogni idoneo mezzo, l’identità padana».

Congresso blindato, statuto già scritto

Dei 500 delegati invitati al congresso, si contano sulle dita di due mani quelli che hanno espresso un certo malumore nei confronti della Lega “salvinicentrica”. Alcuni piccoli focolai di insofferenza nelle schiere leghiste sono causati dall’impossibilità di intervenire nel percorso di modifica dello statuto che si vota oggi, 21 dicembre.

Il regolamento del congresso, scritto da Roberto Calderoli, prevede che le proposte di modifica del nuovo statuto «siano firmate da almeno 150 delegati» e consegnate «entro giovedì 19 dicembre». È stato praticamente impossibile per i delegati avere il tempo di leggere lo statuto, studiare delle modifiche, farle firmare da 150 delegati e consegnarle alla commissione per il congresso.

La sentenza di Roberto Maroni

«Da domani ci saranno due partiti: uno che corre, l’altro nel congelatore – dichiara a Malpensa24 Roberto Maroni -. Di fatto, il nuovo partito, quello di Salvini premier, sarà l’unico legittimato a operare sul versante politico».

Il predecessore di Salvini rimprovera alla segreteria della Lega e alla nuova classe dirigente di avere la memoria corta riguardo al passato del partito. Ma conferma che al congresso ci sarà, «anche se non è prevista discussione politica» – sostiene con rammarico. E conclude con una constatazione su quella che fu la Lega Nord: «Siamo all’estrema unzione».

Aggiornamento 21 dicembre ore 14:00: Roberto Maroni non si è presentato al congresso. La sua assenza, pesante, è stata notata da tutti: molti delegati, dietro le quinte, si interrogavano sul futuro politico dell’ex segretario della Lega.

Sullo stesso tema: