Il doppio anatema di Salvini: «Rossoneri indegni come i giallorossi al governo»

Dopo il pesante ko del Milan a Bergamo, il leader della Lega si lancia in un parallelismo tra la squadra e il governo Pd-M5s

«Il Milan di oggi è come il governo Pd-5 Stelle: senza idee, senza cuore, senza dignità». Questo il commento del leader della Lega Matteo Salvini dopo la disfatta del Milan a Bergamo, dove l’Atalanta ha intascato una vittoria memorabile segnando 5 reti.


Il parallelismo tra calcio e politica, tra i rossoneri e il governo giallorosso arriva nella 17esima giornata di serie A, nell’anticipo dell’ora di pranzo, mentre alla Camera continua l’esame della Manovra, con gli interventi dei deputati di opposizione che lamentano l’impossibilità modificare il testo nel passaggio a Montecitorio, dove è arrivato blindato dopo l’approvazione con fiducia al Senato.

«In Parlamento indegni dell’Italia, a Milanello indegni della maglia», scrive ancora Salvini dopo il pesante ko della squadra. E, poco dopo le 16, l’analisi della partita in correlazione con l’operato dell’esecutivo diventa il tema centrale di una sua diretta Facebook. «Dopo aver fatto indigestione di gol (il Milan di oggi inguardabile, peggio del governo PD-5Stelle) – esordisce – si riparte!».

Profondamente deluso dalla performance del Milan in questo match prenatalizio anche l’allenatore Stefano Pioli:

«Oggi è tutta colpa nostra, l’Atalanta ha tanta qualità ma la sconfitta è anche figlia dei nostri demeriti, il Milan non può essere questo. La partita andava gestita in maniera diversa, siamo entrati in campo con poca lucidità e in queste partite se sbagli l’approccio… e noi abbiamo sbagliato contro una squadra che per intensità e impeto non è seconda a nessuno. Insomma, la prestazione è stata gravemente insufficiente».

Leggi anche: