La Casaleggio e il blog di Grillo come la fondazione di Renzi, sotto inchiesta i finanziamenti

Gli inquirenti stanno cercando di capire se la compagnia di Onorato abbia ricevuto dei favori proprio grazie ai finanziamenti ai partiti

«Operazioni sospette» le ha definite l’Uif, l’Unità antiriciclaggio di Bankitalia, che ha avviato accertamenti sui versamenti di denaro che Vincenzo Onorato, presidente di Moby spa, ha fatto al blog di Beppe Grillo e alla Casaleggio Associati. Come riporta il Corriere della sera e il Messaggero, il sospetto da chiachire è se l’armatore abbia cercato sponde politiche al fine di ottenere vantaggi per la sua compagnia di navigazione che ha il monopoli di alcune rotte marittime italiane.

La compagnia di navigazione è titolare di una convenzione con lo Stato italiano che le garantisce introiti per 72 milioni di euro l’anno. Anche l’Unione europea ha aperto un’istruttoria per verificare se l’accordo si possa inquadrare come «aiuto di Stato». Dalle pagine del Corriere si apprende che gli accertamenti riguardano un «contratto di partnership» firmato tra Moby e la società che gestisce il blog di Grillo.

Le cifre dell’accordo con Grillo

Due anni di contratto, 2018 e 2019, che prevede il versamento di 120 mila euro annui in cambio di inserzioni pubblicitarie e «contenuti redazionali con interviste a testimonial della Moby da pubblicare anche su Facebook, Twitter e Instagram». I termini prevedono la pubblicazione di uno spot al mese. La domanda è se la cifra pattuita possa mascherare in realtà un finanziamento politico al Movimento 5 stelle.

Il supporto alla Casaleggio

L’armatore avrebbe firmato un accordo ancora più esoso con la piattaforma specializzata in strategie digitali di Davide Casaleggio. La cifra attorno alla quale gravita l’accordo è di circa 600 mila euro, con il mandato di «sensibilizzare le istituzioni – riguardo alle prerogative degli operatori del settore marittimo – e raggiungere una community di un milione di persone». Il contratto con la Casaleggio Associati comprende anche un bonus: nel caso in cui l’obiettivo venga raggiunto entro 12 mesi, Onorato si impegna a versare altri 250 mila euro. Diventerebbero 150 mila euro se l’obiettivo fosse raggiunto tra i 12 e i 24 mesi.

Come per Open

Il nome di Onorato compare anche nelle carte della Procura di Firenze che sta cercando di verificare il giro di denaro che, dal 2012 al 2018, è entrato nelle casse della fondazione legata a Matteo Renzi. Tra i finanziatori sbuca proprio l’armatore: avrebbe versato a Open 50 mila euro a titolo personale e, attraverso la società Moby, 100 mila euro. «Credo e crederò sempre negli ideali sociali di Renzi e ho sostenuto la sua fondazione con un contributo pubblico perché chiaro, visibile e trasparente», ha commentato Onorato.

Sullo stesso tema: