Lampedusa, un albero per ogni abitante. Nasce un nuovo bosco

L’obiettivo non è soltanto quello di valorizzare l’isola – puntando sulla sostenibilità – ma anche di rafforzare il legame tra gli abitanti

C’è chi compra un albero di plastica per Natale, che ne compra uno vero e che ne pianta – o ne fa piantare – centinaia. È il caso del sindaco di Lampedusa, Totò Martello, che ha annunciato una nuova iniziativa verde per l’isola che coinvolgerà i suoi abitanti.

Verranno piantati 6.500 alberi, circa uno per ogni abitante dell’isola. Esemplari di carrubo, pino e oleandro andranno a infoltire una zona verde, lunga un chilometro e mezzo, dall’Albero del sole fino al Muro vecchio.

I primi 100 alberi – che sono stati donati dall’Azienda forestale dell’assessorato regionale all’Agricoltura – sono già stati piantanti, ma la gran parte del lavoro avrà luogo nei prossimi giorni, in avvicinamento al Natale.

Martello, «Rafforzare il legame tra gli abitanti e l’isola. Lampedusa può offrire di più»

«Vogliamo ripristinare la vegetazione che molti anni fa era parte integrante del contesto naturale della nostra isola» dice il sindaco Totò Martello. «I lampedusani e Lampedusa sono un tutt’uno. Le nostre radici affondano in quest’isola e dare in ‘adozione’ un albero a ciascun abitante è un modo per rendere ancora più forte questo legame».

«Lampedusa è conosciuta in tutto il mondo per le sue spiagge e per il suo mare cristallino ma la nostra isola può offrire molto altro. La nascita di questo ‘bosco’ rientra in un percorso più ampio che l’amministrazione comunale sta portando avanti per valorizzare la zona di ponente: un progetto che unirà natura e cultura e che rappresenterà un valore aggiunto per la nostra comunità».

Leggi anche: