‘Ndrangheta, la deputata Pd che ha attaccato Gratteri: «Insieme allo stato di diritto vogliamo uccidere anche il dissenso?»

«Troppe volte, in questi anni- rincara la dose Bossio – alla grande baraonda mediatica sono seguiti effetti assai modesti sul piano processuale e giudiziario»

La deputata calabrese del Partito Democratico Enza Bruno Bossio replica alle polemiche dopo le sue dichiarazioni contro il procuratore Nicola Gratteri, che ha capitanato l’operazione che ha portato a più di 300 arresti per ‘ndrangheta.


Bossio, moglie dell’ex consigliere regionale Nicola Adamo, finito nell’inchiesta per traffico di influenze, aveva accusato il magistrato di «usare l’intera inchiesta come palcoscenico per uno spettacolo».

«Ribadisco ancora una volta che non sono contro nessuno e sono per una intransigente e, soprattutto, efficace lotta contro la ‘ndrangheta e tutti i poteri criminali», spiega la parlamentare in risposta alle polemiche che si sono sollevate dopo le sue parole. «Troppe volte, in questi anni- chiosa Bossio – alla grande baraonda mediatica sono seguiti effetti assai modesti sul piano processuale e giudiziario».

Per la parlamentare «l’unica preoccupazione è che le indagini siano fatte in maniera rigorosa e seria, affinché possano portare a condanne esemplari per gli ‘ndranghetisti. Né ho mai pensato che non si debba indagare o perseguire i politici che delinquono. Non penso che ci debbano essere di fronte alla giustizia cittadini di serie A e serie B. Per questo ho rilevato, come ho fatto sempre e in tutte le occasioni, come ancora una volta si è invece messo insieme ciò che proprio non può stare insieme, con il rischio che prevalga il pregiudizio accusatorio che ha già sentenziato la corte di cassazione per la revoca della misura cautelare che era stata inflitta a Mario Oliverio. Per quanto mi riguarda io sono garantista sempre e con tutti», dice la deputata Pd in una nota stampa.

«Non sono tra quelli che si ergono a fare lezioni di morale come il commissario del pd calabrese, Stefano Graziano», chiosa Bruno Bossio. «Sono garantista anche con lui, che è accusato in Campania degli stessi reati di alcuni degli indagati calabresi e di quelli coinvolti in Umbria, con la differenza che lui, giustamente, è indagato e libero. Io la vedo così, e rivendico il mio diritto a dirlo prima come donna poi come deputata della Repubblica. O vogliamo insieme allo stato di diritto uccidere anche il dissenso?».

La partita del Pd in Calabria

Il punto è che in Calabria il Pd gioca un’importante partita, con l’appuntamento elettorale di gennaio a cui il Pd arriva dopo aver archiviato la candidatura di Mario Oliviero per preferirgli Pippo Callipo. Per Oliviero si è parlato di una candidatura autonoma, mentre secondo Bruno Bossio, vicina a Oliviero, la decisione del Pd arriva su «ordine di Gratteri».

In questa situazione potenzialmente caotica, oggi è il segretario dem Nicola Zingaretti a cercare l’unione perduta, richiamando “all’ovile” Oliverio. «Attribuisco grande importanza al risultato della Calabria», dice in una nota. «La divisione del centrodestra apre uno scenario nuovo, mettendoci nelle condizioni di poter competere e vincere con Callipo, una sfida che poche settimane fa sembrava impossibile. Abbiamo due obiettivi davanti a noi: combattere e sconfiggere la ‘Ndrangheta e sbarrare il passo alla peggiore destra emersa in Italia dopo il ventennio fascista», dice il leader dem.

«Mi rivolgo in particolare a Mario Oliverio, al quale confermo stima politica e personale. Nei giorni scorsi più volte ha sostenuto di non aver detto “Oliverio o morte” . Gli chiedo di sostenere questo percorso di cambiamento e rinnovamento, anche al fine di non disperdere il lavoro svolto in questi anni. Un partito democratico forte e unito può contribuire in maniera decisiva alla vittoria».

Il destinatario dell’appello apre e si dice «non indifferente» al gesto. «Tutte le forze che in questi mesi assieme a me hanno lavorato in tal senso, con generosità e nell’esclusivo interesse della Calabria, saranno ancora una volta in queste ore impegnate a valutare in modo responsabile l’evoluzione in atto. A questo fine la coalizione di centrosinistra, già convocata per domani per il completamento delle liste, valuterà la situazione», dice oggi in risposta il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio.

In copertina la deputata del Pd Vincenza Bruno Bossio durante il convegno 5G Italy, the Global meeting presso la sede del CNR, Roma, 05 dicembre 2019. ANSA/Angelo Carconi

Leggi anche: