CasaPound, mazzata per i funzionari che non hanno chiesto l’affitto: la Corte dei conti vuole 4,5 milioni di danni

Per quindici anni non avrebbero fatto nulla per recuperare l’immobile o riscuotere un affitto

Un danno erariale da 4,5 milioni di euro. Tanto potrebbero essere costretti a pagare i funzionari che non hanno agiti nei confronti dell’organizzazione di estrema destra Casapound.

Secondo i giudici erariali, otto persone negli ultimi quindici anni non hanno mai preso provvediment per fare in modo che fosse saldato l’affitto del palazzo occupato in via Napoleone III, a Roma, principale sede dell’organizzazione.

Il danno erariale è, appunto, di 4,5 milioni di euro. A rispondere per omessa disponibilità del bene e mancata riscossione dei canoni dovranno essere dirigenti e funzionari dell’Agenzia del Demanio e del Miur, proprietario dell’immobile.

La citazione a giudizio è stata depositata oggi, 23 dicembre e l’udienza è stata fissata al 21 aprile 2020.

Leggi anche: