Regionali in Calabria, il governatore Oliverio rinuncia alla corsa: «Faccio un passo indietro»

«Grazie ad Oliverio per il suo gesto importante e significativo che aiuterà sicuramente a vincere un appuntamento elettorale molto importante», ha commentato Nicola Zingaretti.

«Pur ritenendo di avere tutte le ragioni del mondo, non faccio dividere il bambino a metà», scrive il presidente della Calabria, Mario Oliverio, in una lettera aperta a Nicola Zingaretti in cui annuncia il suo ritiro dalla corsa alle regionali.

La decisione arriva dopo una nuova richiesta di rinvio al giudizio, la terza in sei mesi, per il governatore della Calabria. «La Storia si incaricherà di fare giustizia di tutto, presto o tardi. Io faccio un passo indietro per non consentire che venga distrutto e dilaniato un patrimonio che è la mia storia politica», scrive nella lettera al segretario del Pd.

Un addio in cui non risparmia una frecciatina ai dem: «Ti riconfermo che è stato un errore politico grave e serio non aver voluto ricercare una soluzione che potesse rappresentare al meglio il fronte democratico nell’imminente campagna elettorale per le regionali. Altrettanto grave e miope è stata la gestione burocratica e irrispettosa dell’intera vicenda e l’ostinazione ad impedire, in questi mesi, una soluzione partecipata ed aperta alle forze del centrosinistra, ai movimenti civici, agli iscritti e agli elettori democratici calabresi».

«Ad una grande forza democratica come il Pd – ha concluso Oliverio – non giovano egoismi correntizi e meschini veti “non detti”, ma una visione alta, in Calabria come per il resto del Paese. La mia, la nostra storia non finisce qui», conclude il governatore uscente.

«Grazie ad Oliverio per il suo gesto importante e significativo che aiuterà sicuramente a vincere un appuntamento elettorale molto importante. Ora tutti uniti con Callipo per battere una destra populista che evoca solo paure ma non dà mai risposte», ha commentato Nicola Zingaretti.

Foto copertina: Mario Oliverio durante le elezioni in Calabria del 2014

Leggi anche: