Per giocare alle slot machine e alle videolottery è diventato obbligatorio l’uso della tessera sanitaria

La misura, contenuta nel decreto Dignità, è entrata in vigore il primo gennaio 2020. Per chi viola le regole sono previste multe da 10mila euro

Dal primo gennaio 2020 è entrata in vigore la misura contenuta nel decreto Dignità e resa attuativa dallo schema di decreto dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato che prevede l’utilizzo obbligatorio della tessera sanitaria per giocare alle videolottery e alle slot machine. Per chi viola le regole sono previste multe da 10mila euro.

Secondo l’articolo 9-quater del documento, viene disposto che «l’accesso agli apparecchi da intrattenimento per il gioco lecito (slot machine e videolottery) sia consentito esclusivamente mediante l’utilizzo della tessera sanitaria, al fine di impedire l’accesso ai giochi da parte dei minori».

«Si prevede – si legge ancora nel testo – che siano rimossi dagli esercizi, dal 1° gennaio 2020, gli apparecchi privi di meccanismi idonei ad impedire l’accesso ai minori. La violazione di tale norma è punita con una sanzione amministrativa di diecimila euro per ciascun apparecchio».

Tuttavia, secondo fonti del settore, praticamente tutte le macchine da gioco, oltre a essere istallate in sale dedicate il cui accesso è vietato ai minori di 18 anni, sono state adattate alla nuova normativa con un conto piuttosto salato per il settore. 

Secondo stime fornite ad Agipronews, agenzia di stampa periodica telematica che si occupa del mondo dei giochi a pronostico e delle scommesse, sarebbero almeno 10 milioni gli euro investiti per l’aggiornamento del parco macchine da parte degli operatori del settore.

Leggi anche:

Foto di copertina: Pixabay