Aprile (M5s) nella lista dei morosi sente puzza di epurazione: «Ho sempre pagato tutto. Ora voglio sapere dove vanno i soldi»

«Ho sospeso il versamento – afferma – dopo l’autoritaria modifica del soggetto destinatario di queste somme, che non è più il microcredito ma un comitato costituito da tre parlamentari del Movimento», spiega

«Sono in regola sia con il versamento mensile di 300 euro a favore della piattaforma Rousseau sia con la rendicontazione, sempre mensile, dei mille euro per eventi», dice, intervistata dal Corriere della Sera, la deputata M5S Nadia Aprile.

Deputata che però è finita nell’elenco dei morosi. «Ho sospeso il versamento – afferma – dopo l’autoritaria modifica del soggetto destinatario di queste somme, che non è più il microcredito ma un comitato costituito da tre parlamentari del Movimento», spiega ancora. «Dallo scorso aprile ho inviato numerose mail per chiedere chiarimenti in ordine alle ragioni di tali modifiche e alla destinazione dei fondi sinora versati dai parlamentari, che a novembre ammontavano a quattro milioni. La sola risposta che ho avuto è stata il pressante invito a regolarizzare la mia posizione».

Sulla possibilità di essere espulsa commenta: «Penso e spero di no, sarebbe una mossa sbagliata e inopportuna». E sulla possibilità di seguire l’ex ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti dice: «È questione prematura, che merita una risposta ponderata. Allo stato non ho alcuna intenzione di lasciare il Movimento, è una ipotesi che non avevo contemplato. Se mai dovessi esservi costretta valuterò, di concerto con le persone a me vicine».

In copertina Nadia Aprile/Facebook

Leggi anche: