Raid Usa, premier iracheno: «Soleimani era a Baghdad per trattare con l’Arabia Saudita»

La trattativa era finalizzata ad allentare le tensioni tra i due Paesi attraverso la mediazione irachena

Quando è stato raggiunto dai missili Usa, Qassem Soleimani si trovava a Baghdad per condurre una trattativa riservata con l’Arabia Saudita per conto dell’Iran.

Lo ha rivelato il premier iracheno Adil Abdul-Mahdi alla National Iraqi News Agency. Soleimani sarebbe volato a Baghdad con un messaggio del suo governo in risposta a un altro proveniente da Riad, nel corso di un negoziato diplomatico finalizzato ad allentare le tensioni tra i due Paesi attraverso la mediazione irachena.

Il raid in cui è rimasto ucciso il leggendario generale iraniano ha avuto come conseguenza quella di intensificare le tensioni in Medio Oriente. Teheran ha subito minacciato ritorsioni verso gli Usa e i suoi alleati tra cui Israele e Arabia Saudita.

«Le famiglie dei soldati statunitensi di stanza in Medio Oriente dovrebbero aspettarsi la morte dei loro figli», ha detto la figlia di Soleimani durante i funerali nella capitale iraniana.

«Se gli Stati Uniti non ritirano le forze dalla regione, affronteranno un altro Vietnam», ha detto invece Ali Akbar Velayati, consigliere del leader iraniano Ali Khamenei.

Leggi anche: