POLITICA :

Sardine, se si presentassero alle elezioni prenderebbero l’11,4%, sgonfiando Pd e M5s – Il sondaggio Tecnè-Dire

Il Pd passerebbe dal 19,3% al 14,9% lasciando sul terreno il 4,4%, e il M5s passerebbe dal 15,4 al 12%, perdendo dunque 3,4 punti percentuali

E se le sardine si presentassero alle elezioni? Più volte hanno ribadito, per bocca dei loro portavoce, che non intendono fondare un partito. Ma se il movimento nato a Bologna per contrastare modi e contenuti della politica leghista si presentasse alle elezioni porterebbe a casa oltre l’11% di consensi in tutta Italia, rosicchiando di fatto una grossa fetta al Pd e un’altra altrettanto considerevole al M5s.

Per la precisione, a tracciare una x sull’ipotetico simbolo politico delle sardine alle urne sarebbe l’11,4%. Questo è quanto risulta da un sondaggio di Monitor Italia, realizzato in collaborazione con Agenzia Dire e Istituto Tecnè.

In particolare, il movimento delle sardine sottrarrebbe voti soprattutto al Partito Democratico, che passerebbe dal 19,3% al 14,9% lasciando sul terreno il 4,4%, e al M5s, che passerebbe dal 15,4 al 12%, perdendo dunque 3,4 punti percentuali.

La Lega resterebbe sempre il primo partito, e anche Pd e M5s conserverebbero la loro posizione nella classifica delle forze politiche. In sostanza, le sardine al voto sottrarrebbero il 9,1% dei consensi alle forze di centrosinistra e solo lo 0,4% ai partiti di centrodestra.

In copertina: la manifestazione delle sardine in piazza San Giovanni a Roma il 14 dicembre 2019

Leggi anche: