Libia, le forze di Haftar annunciano il cessate il fuoco

«Una dura rappresaglia verrà effettuata contro chi non lo rispetterà», ha avvisato l’ersercito nazionale della Libia

L’ersercito nazionale della Libia, guidato dal generale Khalifa Haftar, ha annunciato il cessate il fuoco a partire dalla mezzanotte di oggi, sabato 11 gennaio. Al messaggio è stato aggiunto un avvertimento: «Una dura rappresaglia verrà effettuata contro chi non lo rispetterà».

L’appello per il cessate il fuoco era stato lanciato dai presidenti di Turchia e Russia, Recep Tayyip Erdogan e Vladimir Putin, a seguito dell’incontro a porte chiuse tenutosi in occasione della visita del presidente russo a Istanbul per l’inaugurazione del gasdotto TurkStream.

Conte: «Ancora tanta strada da percorrere, ma la direzione è quella giusta»

Il premier Giuseppe Conte ha accolto positivamente l’annuncio, commentando su Twitter: «Le forze di Haftar hanno accettato il cessate il fuoco: è il primo passo per perseguire una soluzione politica. Ancora tanta strada da percorrere, ma la direzione è quella giusta». 

L’incontro Merkel – Putin e l’invito a cessare il fuoco

Inoltre, nell’incontro tenutosi oggi, 11 gennaio, tra Vladimir Putin e la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente russo ha sottolineato di aver ragguagliato la cancelliera tedesca sui negoziati di Istanbul col presidente turco Recep Tayyip Erdogan, assicurando di sostenere il processo di Berlino per porre fine alla guerra in Libia.

Sia il presidente Putin sia la cancelliera Merkel hanno altresì ribadito la richiesta di porre fine alle ostilità tra le due parti in guerra nel travagliato Paese del Nord Africa, augurandosi che la Conferenza internazionale di Berlino sulla Libia, guidata dalle Nazioni Unite, «possa essere solo il preludio per un processo più lungo che porti alla fine del conflitto». 

Leggi anche: