Juve campione d’inverno. Zaniolo infortunato esce in lacrime: si è rotto il crociato destro

Decidono Demiral e Cr7 (1-2), il centrocampista finirà sotto i ferri domani

La Juventus chiude in vetta e da sola il girone di andata di Serie A (+2 sull’Inter) vincendo 1-2 a Roma contro la squadra di Fonseca. Decisivo l’impatto sulla gara dei bianconeri che segnano due volte nei primi 10 minuti con Demiral (3′) e Ronaldo (rigore al 10′).


La Roma, alla seconda sconfitta interna consecutiva dopo quella contro il Torino, rientra nella ripresa con il rigore di Perotti (67′) dopo un palo di Dzeko, ma non evita il ko. I giallorossi sono sempre quarti, ma pari merito con l’Atalanta. E la Lazio, terza, si allontana a +7. Gravi infortuni per Demiral e Zaniolo, uscito in lacrime e costretto a operarsi domani per la rottura del crociato del ginocchio destro.

Partenza micidiale

La Juve aderisce al match come una ventosa e la Roma finisce presto sotto un macigno, quasi senza accorgersene. In 10 minuti la squadra di Fonseca ne prende due e ci mette molto del suo. Inaugura dopo 3’ Demiral, bravo a intervenire su un calcio di punizione di Dybala, sfruttando anche due errori individuali della difesa di casa: Smalling manca la deviazione aerea, Kolarov perde dai radar il centrale della Juve e la Roma va sotto.

E’ uno schiaffone replicato 7 minuti dopo quando Veretout scherza col fuoco, che ha le sembianze di Dybala. La Joya strappa palla e viene abbattuto in area dal francese: rigore. Ronaldo è freddissimo e fa 13 in campionato.

Per la squadra di Fonseca è una doppia martellata dalla quale fa fatica a riemergere. Pellegrini ha l’occasione per rientrare in partita, ma viene murato da Rabiot (braccio attaccato al corpo). La Roma vive di molto possesso palla e pochissime accelerazioni. Le uniche le offrono Florenzi e Zaniolo, che in una di queste si infortuna e lascia il campo in lacrime, come accaduto poco prima al collega Demiral (caduto male nell’area della Roma).

La cattiva gestione

Entrano Under e De Ligt, e nella ripresa chi ci perde è la Juve, tradita da un minimo di supponenza e dalla solita coperta corta a centrocampo. La Roma, trascinata da un super Diawara, ha una fiammata al 65′ e i campioni d’Italia si bruciano. Prima il palo di Dzeko, sul prosieguo dell’azione la mano di Alex Sandro su colpo di testa di Under. Perotti accorcia dal dischetto.

Visualizza questo post su Instagram

DAJE @diegoperotti_10! 💪 #ASRoma

Un post condiviso da AS Roma (@officialasroma) in data:

La Juve cambia. Dentro Higuain per Dybala (che la prende malissimo) e Danilo per Ramsey. I bianconeri sfiorano l’1-3 con Ronaldo (testa a lato) e Higuain (che segna ma ha una scarpa in fuorigioco), e per poco non vengono infilati da un colpo di testa di Kolarov, che però regala la palla a Szczesny. La Juve riesce a gestire gli ultimi dieci minuti senza patemi ed è campione d’Inverno.

Zaniolo: rottura crociato, domani si opera

Mentre Demiral (anche lui guai al ginocchio, domani mattina esami a Torino) ha cercato di rientrare in campo per poi cedere il posto a De Ligt, sono apparse subito gravi le condizioni di Zaniolo, uscito in barella e in un mare di lacrime. Il centrocampista è stato portato a Villa Stuart per i primi esami. Accompagnato dalla madre, è uscito dalla clinica romana intorno alle 22,40 senza stampelle. La diagnosi è, purtroppo, impietosa: rottura del crociato destro con operazione già prevista per domattina. E’ una tegola per il ragazzo, per la Roma e per la Nazionale a cinque mesi dall’Europeo.

Poco dopo le 23 Zaniolo ha postato questo messaggio per i tifosi della Roma, con una esplicita promessa…

Visualizza questo post su Instagram

Vi giuro…tornerò più forte di prima.

Un post condiviso da Nicoló Zaniolo (@nicolozaniolo) in data:

Foto di copertina Ansa

Leggi anche: