Siria, l’attivista curda Hevrin Khalaf uccisa da milizie filo-turche. Bbc: «Prove convincenti»

Secondo il report medico Khalaf è stata uccisa dopo aver subito brutali violenze

La politica e attivista curda Hevrin Khalaf, uccisa il 12 ottobre scorso nel nord-est della Siria durante l’offensiva turca contro le forze curde Ypg, sarebbe stata assassinata da Ahrar al-Sharqiya, fazione dell’Esercito nazionale siriano cooptato da Ankara per combattere al suo fianco.

Lo sostiene un’inchiesta della Bbc, che parla di «prove convincenti» raccolte mettendo insieme testimonianze sul campo e un’analisi satellitare per comprovare alcuni video diffusi nei mesi scorsi da cui emergeva la responsabilità della milizia filo-turca, che continua però a negare ogni responsabilità.

Secondo la rete inglese, i miliziani di Ahrar al-Sharqiya stabilirono un check-point lungo l’autostrada strategica M4, sparando contro l’auto dell’attivista, che viaggiava da al-Hasakah verso Raqqa, e uccidendo l’autista Farhad Ramadan. Khalaf è stata uccisa dopo aver subito violenze brutali. Secondo un report medico ottenuto dall’emittente, le sue gambe sarebbero state rotte, mentre il suo corpo è stato trivellato 20 volte.

Khalaf è diventata un simbolo internazionale della denuncia contro l’offensiva turca contro i curdi in Siria.

Leggi anche: