Liliana Segre sospende gli incontri nelle scuole: ad aprile l’ultima testimonianza ad Arezzo

«Dopo 30 anni di continui appuntamenti è provata», ha detto il figlio

Liliana Segre, 89 anni, sospenderà gli incontri con gli studenti italiani dal prossimo aprile a causa dell’età. La notizia è stata anticipata a Il Ducato, il giornale della scuola di giornalismo di Urbino, dalla portavoce della senatrice a vita, Mariapaola Gargiulo.

Gli studenti delle classi quinte del liceo delle scienze umane Laurana-Baldi di Urbino saranno quindi tra gli ultimi ad aver preso parte agli incontri di testimonianza della senatrice a vita Liliana Segre, deportata nel campo di concentramento di Auschitz nel 1944. Mentre l’ultimo incontro è previsto per aprile in provincia di Arezzo.

«Non vuol dire che non continuerà a testimoniare la sua esperienza», ha chiarito all’ANSA il figlio della senatrice a vita, Luciano Belli Paci. «Dopo 30 anni di continui appuntamenti è provata», ma ha in programma un «ultimo, grande incontro» tra qualche mese in provincia di Arezzo.

Per molti anni la senatrice ha girato nelle scuole portando la sua testimonianza personale di quanto vissuto nel campo di concentramento. Negli ultimi mesi, Segre era finita sotto scorta a causa delle minacce antisemite ricevute sul web.

Ieri, 21 gennaio, Liliana Segre aveva portato la sua testimonianza in un altro luogo simbolo del viaggio degli ebrei italiani verso i campi di concentramento sparsi in tutta Europa: il carcere di San Vittore. La senatrice ha partecipato alla cerimonia per la posa delle pietre d’inciampo per Andrea Schivo, guardia carcerata uccisa a Flossemburg per aver aiutato molti ebrei a fuggire.

Leggi anche: