IoSonoItalia ammette: nessuna aggressione, si era truccata. Poi denuncia (?) Open – Video

Ammette la bufala e spiega i motivi. Nel frattempo a Bologna una 15enne è stata denunciata per simulazione di reato

Il 19 gennaio 2020 la pagina Facebook IoSonoItalia aveva diffuso la denuncia di una presunta aggressione ai danni della 15enne protagonista del network da parte di ragazzi dei centri sociali – poi diventati “Sardine” secondo le narrative diffuse – a Brescia sabato 18 gennaio 2020. Una storia che si era rivelata una bufala, soprattutto a seguito del referto dell’ospedale falsificato.

Il video risposta della ragazzina dove dichiara che era una bufala

Il 23 gennaio 2020 dal canale YouTube IoSonoItalia viene pubblicato un video con la spiegazione della ragazza nel quale dimostra che non aveva subito alcuna aggressione, confermando di aver creato la bufala successivamente diffusa sui suoi social. Infatti, nel suo volto non c’è alcun segno di violenza, contrariamente all’immagine diffusa online.

Le motivazioni della falsa notizia

La protagonista del network IoSonoItalia racconta le motivazioni del suo gesto. Per farlo, cita la vicenda denunciata a Potenza sull’aggressione di una 31enne omosessuale di cui hanno parlato i media pochi giorni prima, la quale aveva ottenuto solidarietà dal mondo politico a partire dal sindaco leghista Mario Guarente. La ragazza aveva denunciato tutto via Facebook pubblicando la sua foto con il volto tumefatto e il referto dell’ospedale con data e nome del medico:

Nome e cognome della ragazza, un referto medico privo di censure e riscontrabile tramite il centro ospedaliero. Sulla vicenda, comunque, indaga la Polizia e dunque bisogna attendere le eventuali conferme o smentite come avvenuto in altri casi, anche molto recenti come quello di Bologna dove una 15enne aveva simulato tutto. Nel video, la giovane di IoSonoItalia non si fida del referto medico pubblicato dalla 31enne e decide di pubblicare come lei una foto dove denuncia una falsa aggressione ai suoi danni per dimostrare che il suo caso, contrariamente a quello di Potenza, non verrà trattato per la presunta censura dei media con persone come lei:

Tornando alla recente ragazza lesbica, che ultimamente avrebbe subito l’aggressione “fascioleghista”, qualcuno ha chiesto a quella ragazza se fosse vero ciò che le è accaduto? No! Si è dato per buono tutto ciò che lei ha affermato in Pronto Soccorso il giorno seguente e del quale ha prodotto il referto medico, ma mostrare il referto medico del Pronto Soccorso non significa che sia stata aggredita veramente. Avrei potuto farlo anche io se mi fossi tirata una sprangata di legno sulla mia bellissima faccia e avessi dichiarato in Pronto Soccorso che in una via qualunque ero stata aggredita, sul referto medico inevitabilmente sarebbe comparso che il trauma subito era appunto dovuto a un’aggressione. Che ne sappiamo [non comprensibile], magari la ragazza è caduta in bicicletta, magari ha sbattuto la faccia da qualche parte perché era un po’ alticcia. Poco importa, l’importante era colpire la destra sotto elezioni.

Il tweet di IoSonoItalia dove spiega a che storia si era ispirata.

La ragazza di IoSonoItalia dubita che la ragazza di 31 anni sia stata aggredita, così decide di far credere che sia stata aggredita seguendo lo stesso procedimento di pubblicazione dei contenuti, dalla denuncia social alle foto del suo volto colpito e il referto:

E allora ho voluto fare la stessa cosa anche io ispirandomi a lei, però io almeno ho avuto il buon gusto di non andare a far perdere tempo a gente che lavora e che si fa un culo tanto nelle corsie degli ospedali e degli ambulatori di Pronto Soccorso.

Il trucco «che forse era più buono per Halloween» e il referto

La ragazza continua a spiegare, leggendo un testo, la preparazione della bufala:

Ho preso un po’ di trucchi, mi sono fatta aiutare da mia sorella, mi sono creata sulla faccia una sorta di ematoma che forse era più buono per Halloween che per altro. Ho scritto la mia bella storia partendo con una frase esattamente simile alla sua [n.d.r. della ragazza di Potenza] e ho raccontato un’aggressione in cui però non c’erano brutti e cattivi fascisti neri, ma brutti e cattivi anarco comunisti rossi.

Nel video la ragazza ammette, come dimostrato nell’articolo precedente di Open, che nel suo post su Facebook aveva aggiunto successivamente alla pubblicazione dello stesso una nota per spiegare che la foto del referto era di «repertorio». Sostiene, inoltre, che solo dopo aver aggiunto la nota avrebbe ricevuto commenti da parte degli utenti con il link alla notizia dove era stato prelevata la foto del referto, ma come riportato da Open i commenti di questo tipo erano già diversi minuti prima della modifica.

La reazione di uno dei noti account di destra di fronte all’ammissione della bufala.

I giornalisti non parlano di lei perché di destra?

Nel video continua lamentandosi che nessun giornalista di Repubblica, di Open, del Messaggero o de Il Fatto Quotidiano si era interessato al suo caso siccome la protagonista della presunta aggressione era una ragazzina di destra e non di sinistra. Che il suo post fosse diventato virale non ci sono dubbi, ma di questa storia non se ne sono occupati nemmeno testate considerate di destra come Il Giornale, Libero e La Verità. In merito a quest’ultima testata, nell’account VK di IoSonoItalia è presente una foto pubblicata il 26 ottobre 2019 dove la ragazza posa insieme a Francesco Borgonovo:

Racconta che l’unico ad occuparsene era stato il sito Voxnews con quello che lei definisce «articoletto scarno», giudicato in quel modo siccome secondo lei all’autore del sito «mancano le palle». Voxnews non si fa problemi a lanciare il sasso, non è nemmeno una testata giornalistica ed è un sito notoriamente abituato a diffondere materiale pubblicato da altri, in particolare altre testate deformandone anche i contenuti per renderli più appetibili a un target specifico di persone.

Le verifiche di base di un giornalista

Nel video si lamenta che nessun giornalista l’aveva contattata, ma la vicenda era già dubbiosa visto che dopo i suoi post su VK e Facebook non c’erano riscontri da parte dei suoi «amici» della Lega Giovani di Brescia citati nella sua storiella, i primi che avrebbero sicuramente cavalcato la notizia diffondendola sulle loro pagine Facebook. Una vicenda che, se confermata da loro, sarebbe arrivata tranquillamente a Matteo Salvini o della Borgonzoni come è accaduto con una 15enne di Bologna nello stesso periodo in cui IoSonoItalia ha diffuso il falso.

Inoltre, l’immagine del volto che aveva diffuso non sembrava affatto quello di una ragazza colpita, ma truccata. Del resto anche lei ammette che non era un granché come lavoro, facilmente verificabile.

Un altro lavoro che deve svolgere un giornalista è verificare quanto accaduto presso le Forze dell’Ordine e i protagonisti citati nella storia. Nella bufala vengono citati i Carabinieri e gli Spedali civili di Brescia dove sostiene di essersi fatta visitare, ma nel tardo pomeriggio di lunedì 20 gennaio 2020 avevo ricevuto da entrambi un secco «non ci risulta alcun caso del genere». Stavo per contattare la Lega di Brescia e i giovani che nella loro pagina riportano in chiaro un numero di telefono, ma IoSonoItalia aveva pubblicato il falso referto dimostrando la falsità del racconto.

La presunta denuncia a Open

Nel video riporta, inoltre, un intero spezzone dedicato al mio articolo dal titolo «Chi c’è dietro il network di IoSonoItalia e il gruppo Liberazione italiana» sostenendo che questo creerebbe dei grossi problemi a lei e alla sua famiglia:

Ma quel che è stato il peggio e che può far comprendere fino a che punto può arrivare la peggiore sinistra cattocomunista nel nostro paese è stato leggere l’ultimo articolo di Open, il giornale di Enrico Mentana, un articolo chilometrico di David Puente nel quale si svela chi c’è dietro IoSonoItalia. Ed ecco come tutte le tutele di due genitori che cercano di proteggere la figlia che da grande vorrebbe fare la scrittrice vengono maldestramente distrutte.

Nel video sostiene che i genitori avrebbero cercato di proteggerla, fatto sta che nel sito di IoSonoItalia.com e nelle pagine social erano presenti tutte le foto in chiaro della minorenne e informazioni tali da poterla riconoscere, persino la scuola che starebbe frequentando.

Nel video parla di tutela

Prosegue sostenendo che Open avrebbe diffuso dati sensibili che riguardano lei e la sua famiglia, tutti dati pubblicati e resi pubblici da loro stessi online:

Il mio pseudonimo non mi proteggerà più, la mia casa neppure, il lavoro di mio padre sarà compromesso da migliaia di telefonate come sta già accadendo in queste ultime ore. Perché? Perché David Puente, sul fogliaccio di quel Mentana direttore, quindi da lui visto e approvato come articolo, ha diffuso tutti i miei dati sensibili: nome, cognome, indirizzo di casa, siti internet di mio padre e dunque ai relativi numeri di telefono, e visure camerali, eccetera.

Prosegue domandado se Teresa Bellanova, attuale ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, proporrà anche per lei la scorta:

Ora viene da chiedersi se Teresa Bellanova proporrà anche per me una scorta come ha fatto con quel Sergio con la bandiera arcobaleno disegnata sul viso che ultimamente è salito sul palco delle Sardine. Ne dubito. Dubito perché ormai sono stata catalogata come la figlia di una famiglia di destra che sostiene Salvini e dunque a me non si deve alcuna protezione come non si deve a Capitano Ultimo, ma a Saviano si.

Infine, dichiara di essersi presentata presso i Carabinieri – dal video si intuisce che si sarebbero recati presso la stazione di Gambara – per denunciare me, Enrico Mentana e «compagnia bella», definendoci «luridi infami vigliacchi»:

E così, con papà, sono dovuta andare dai Carabinieri per fare una dettagliata denuncia signor Enrico Mentana, David Puente e compagnia bella. Ora la denuncia ce l’ho in mano, come vedete, e ve la mostro pure luridi infami vigliacchi che non siete altro.

Il momento in cui mostra dei documenti riportanti le scritte “Carabinieri Lombardia” e “Stazione di Gambara” con un pezzo di carta con scritto a mano “Denuncia Enrico Mentana David Puente”.

Una 15enne denunciata per simulazione di reato a Bologna

È notizia di questi giorni di un caso di aggressione denunciata da una ragazzina di 15 anni a Bologna utilizzata poi durante la campagna elettorale da parte della candidata Presidente della Lega in Emilia Romagna, Lucia Borgonzoni. Un’aggressione che si è rivelata una messinscena dove la giovane si era fatta soccorrere veramente da dei passanti ed era stata fatta visitare veramente dai medici locali. Fatti verificabili, così come lo è stata la messinscena ammessa dal complice della ragazza una volta scoperto insieme ai video che provavano il tutto. Ora i due giovani sono denunciati per procurato allarme e simulazione di reato.