Le due carte finali di Bonaccini: l’appello agli elettori M5s e il suo “doppio” Gene Gnocchi – Il video

Il comico: «La nostra è la regione con più pellegrini. Sono venuti da tutto il mondo per vedere le apparizioni della Borgonzoni. E invece al suo posto appare sempre uno con la felpa sporca di Nutella»

Gene Gnocchi prima imita Stefano Bonaccini e poi duetta con quello vero. È successo durante la chiusura della campagna elettorale del centrosinistra a Forlì, il 24 gennaio – l’ultimo giorno utile prima dell’inizio del silenzio elettorale. «Grazie per aver riempito il palasport, ho dovuto citofonarvi uno ad uno, spacciatori tunisini che non siete altro», ha rotto il ghiaccio il comico, all’apparenza identico al vero candidato.

Video di Forlì Today

«La nostra è la regione con più pellegrini – ha aggiunto il finto candidato -, sono venuti da tutto il mondo per vedere le apparizioni della Borgonzoni. E invece al suo posto appare sempre uno con la felpa sporca di Nutella». E ancora Gnocchi in versione Bonaccini: «Come ho fatto a dimagrire così tanto? Ho lo stesso personal trainer di Fassino».

Alla fine dello sketch il vero Bonaccini è salito sul palco e ha abbracciato Gnocchi, che l’ha salutato dicendo di aver fatto «metà della campagna elettorale al suo posto». «Che spettacolo – ha esordito il vero Bonaccini, salito sul palco del Palasport di Forlì alle 22:00 -, che conclusione per una campagna che avete reso strepitosa!».

Il centrosinistra per contrastare l’avanzata della Lega spera nel voto disgiunto: «Mi auguro che anche nella Lega e nella destra qualcuno possa riflettere sulle mie proposte e su come ho governato». Tradotto? In queste ultime ore Bonaccini sta cercando di far passare il voto come un referendum su di sé e sul suo operato alla Regione, rivolgendosi tanto agli elettori del centrodestra quanto a quelli del Movimento 5 stelle a cui si chiede di votare per il proprio partito ma di esprimere sulla scheda la preferenza per Bonaccini presidente.

Sullo stesso tema: