Giovani, i sindacati stanno negoziando con il Governo le vostre pensioni

L’accordo riguarda tutti coloro che sono entrati nel mercato del lavoro dal 1996 in poi. Per i sindacati la soglia minima non potrà essere inferiore ai 780 euro della attuale pensione di cittadinanza

«Ho voluto partire dai giovani, e ringrazio le parti sociali per aver condiviso appieno questa mia decisione, perché è arrivato il momento di intervenire per permettere loro di avere un domani una pensione dignitosa». Così Nunzia Catalfo, ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, ha commentato su Facebook al termine del tavolo sulla riforma del sistema pensionistico con i sindacati Cgil, Cisl e Uil.

Si tratta del primo di cinque tavoli convocati con i sindacati sulla riforma delle pensioni. Una riforma che interessa, comprensibilmente, poco i giovani (secondo l’ultimo sondaggio dell’Eurobarometro solo il 2% degli italiani con meno di 25 anni dice di interessarsi al tema in generale), visto che si tratta di un futuro remoto che assomiglia di più a un miraggio per i molti alle prese con la disoccupazione e l’insicurezza sul lavoro.

Ma proprio da qui scaturisce l’importanza dell’apertura del Governo alla proposta dei sindacati di costruire una pensione contributiva di garanzia per i giovani con carriere discontinue e precarie.

La riforma

L’obiettivo è semplice ma fondamentale: arrivare entro alla prossima Manovra economica ad una pensione di garanzia per tutti coloro che sono entrati nel mondo del lavoro dopo il ’96 e che si troveranno a rientrare nel sistema totalmente contributivo. Come ha ricordato Catalfo: «i dati parlano chiaro: il Censis ha stimato che fra trent’anni in 5,7 milioni rischiano di ritrovarsi con assegni sotto la soglia di povertà».

Si parla di una soglia minima a 780 euro di assegno pensionistico. Ci troviamo nelle vicinanze della soglia di povertà: gli ultimi dati Istat parlano di una soglia di povertà pari a 834,66 euro mensili per i ridenti di un’area metropolitana del Nord e di 563,77 euro per un piccolo comune del Mezzogiorno.

Per il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, la soglia minima «deve crescere in funzione degli anni lavorati e deve essere ovviamente rivalutato», anche per “tappare i buchi” tra un lavoro e l’altro oltre agli «sforzi attivi di formazione e riqualificazione, le fasi di bassa retribuzione, l’impegno per il lavoro di cura rivolto alle famiglie e verso le persone non autosufficienti».

ANSA/ANGELO CARCONI – Il segretario generale della Uil Carmelo Barbagallo al termine del tavolo sulla riforma del sistema pensionistico tra la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo con i sindacati Cgil, Cisl e Uil

La tempistica

L’obiettivo appunto è riuscire a trovare un accordo entro la fine dell’anno, prima della prossima manovra. Ma, commenta il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, «dipende dalle risorse che il Mef è disponibile a mettere sul tavolo». Possibile dunque che gli accordi possano avvenire «su più manovre».

Intanto, è chiaro che c’è «un impegno da parte del governo “a fare i calcoli”. È importante che non sia arrivato con una proposta prendere o lasciare: il confronto è aperto», conclude il segretario confederale della Cgil, Roberto Ghiselli.

Leggi anche: