Coronavirus, l’immunologo Usa: «Entro tre mesi test per un vaccino. Ci sono casi di trasmissione senza sintomi»

Continuano i passi in avanti verso un vaccino, ma i tempi non saranno brevi

Potrebbero volerci due o tre mesi per il primo test del vaccino contro il coronavirus 2019-nCov su un gruppo ristretto di persone. L’annuncio, riporta l’Ansa, arriva dall’immunologo Anthony Fauci, direttore dell’istituto statunitense per lo studio delle malattie infettive Niaid. «Stiamo lavorando con l’azienda biotecnologica Moderna – dice Fauci – e con la Coalition for Epidemic Preparedness Innovation (Cepi


Ci sono elementi per sostenere che il nuovo coronavirus possa essere trasmesso anche per via asintomatica, ossia da chi pur avendo l’infezione non mostra ancora i sintomi: «In genere la maggior parte dei virus si trasmettono quando qualcuno ha i sintomi, ma con il nuovo coronavirus – ha detto Fauci – sembra esserci una trasmissione asintomatica». Alla luce dei dati finora noti, il tasso di mortalità del coronavirus è del 2%, dice Fauci, ma considerando i casi asintomatici o con sintomi molto lievi potrebbe essere inferiore.

In Cina sarebbero iniziati intanto i test sui topi per la sperimentazione di un primo possibile vaccino contro il coronavirus. Il passo in avanti è stato riportato, secondo l’agenzia cinese Xinuha, dal sito locale yicai.com che cita dati del centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie. Si tratterebbe di una fase ancora precoce della sperimentazione, prima di arrivare a quella sugli esseri umani.

Leggi anche: