Patrick Zaki, il duro attacco della mamma di Regeni a Di Maio: «Vergognoso»

«Fa parte della serie di chi entra nei palazzi, cammina sui tappeti rossi, e cambia», ha detto Paola Deffendi

«Di Maio fa parte della serie di chi entra nei palazzi, cammina sui tappeti rossi, e cambia». A usare queste dure parole contro il ministro degli Esteri è Paola Deffendi, la mamma di Giulio Regeni. «Andate a vedere che cosa ha detto Luigi Di Maio nel 2016 su Giulio quando era all’opposizione e che cosa dice in questi giorni da ministro su Zaki. È vergognoso», ha detto la donna in merito a una recente intervista del ministro che si è espresso a favore del permanere dell’ambasciatore italiano al Cairo.


Le parole della madre del ricercatore, rapito e ucciso in Egitto tra gennaio e febbraio 2016, si riferiscono agli ultimatum lanciati dal M5s subito dopo la morte di Giulio. «L’auspicio è che il governo italiano si faccia sentire interrompendo ogni relazione col Cairo, a partire dall’immediato ritiro del nostro ambasciatore. La vita di qualsiasi cittadino italiano vale più di ogni altro interesse economico», scrivevano i grillini in una nota il 29 marzo 2016.

Da quando è stato reso noto l’arresto di Zaki in Egitto, il suo caso è stato messo in relazione proprio con quello di Giulio Regeni. Zaki è un 27enne egiziano, sulla sua vicenda si sono accesi i riflettori della comunità internazionale in quanto il giovane vive in Italia, dove studia all’Università di Bologna. È stato fermato nell’aeroporto egiziano al suo arrivo, era andato per una visita ai genitori.

Leggi anche: