Coronavirus, primo morto a Taiwan. Un contagio a bordo della nave da crociera MS Westerdam

La nave è arrivata a Sihanoukville dopo essere stata respinta da cinque diversi paesi

Taiwan ha annunciato oggi la prima vittima provocata dal nuovo Coronavirus: secondo il Global Times si tratterebbe di un uomo 61enne. Il paziente soffriva, si sottolinea, anche di diabete ed epatiti B.

I dati aggiornati della John Hopkins University riportano il bilancio totale delle vittime, che sale così a 1.670. Cinque sono le persone decedute fuori dalla Cina sono finora cinque: oltre a Taiwan, in Francia, Hong Kong, Filippine e Giappone. I casi di contagio confermati sono 69.266.

Americana contagiata sulla nave da crociera

Un’americana di 83 anni che si trova a bordo della nave da crociera MS Westerdam, approdata in Cambogia dopo il rifiuto di altri Paesi, è stata trovata positiva al test del coronavirus.

Sulla nave, operata dalla Holland America Line, ci sono oltre 2.200 persone, 1.455 passeggeri e 802 persone di equipaggio. I primi esami eseguiti su una trentina di passeggeri avevano dato esito negativo.

La nave era entrata nel porto di Sihanoukville dopo essere stata respinta da cinque diversi paesi a causa dei timori della diffusione del coronavirus: Thailandia, Giappone, Taiwan, Guam (che è territorio non incorporato degli Usa) e Filippine.

La Westerdam era impegnata in una crociera di 14 giorni partita da Hong Kong il 1 febbraio scorso con oltre 600 passeggeri già a bordo che stavano proseguendo un precedente viaggio, ed era attesa il 15 febbraio a Yokohama in Giappone.

La Holland America Line aveva inizialmente escluso che la nave fosse in quarantena e o ragioni per ritenere che a bordo ci fossero casi di coronavirus, «nonostante le notizie di stampa». Al 10 di febbraio era stata misurata la temperatura a bordo a tutti i passeggeri e per nessuna persona era risultata alterata.

In copertina la MS Westerdam/Holland America Line Blog

Leggi anche: