Air Italy, scatta la cassa integrazione. De Micheli firma la continuità territoriale per la Sardegna

Intanto Qatar Airways conferma di non essere più interessata al mercato del trasporto aereo italiano

Air Italy va avanti con la liquidazione. E l’esecutivo guidato da Giuseppe Conte prova a intervenire con la cassa integrazione per i lavoratori e la continuità aerea, visto che dopo il 16 aprile sarà Alitalia a subentrare al vettore in crisi per garantire gli spostamenti con l’isola. «Il governo si è impegnato a prevedere una misura di sostegno al reddito dei lavoratori derivante dall’articolo 44 del decreto Genova», dice la ministra delle Infrastrutture e Trasporti Paola De Micheli.


Le proposte di Aspi

Sulla crisi Air Italy «siamo disposti a valutare le proposte di Aspi, se ci saranno», dice ancora la ministra, che ha firmato la proroga dei voli Air Italy per la Sardegna, rispondendo oggi a Savona a chi le chiedeva della decisione del governo su Autostrade. «La decisione finale – ha detto ancora- sarà ispirata all’interesse pubblico e non sarà un’operazione di consenso». De Micheli ha firmato il decreto di proroga al 31 dicembre 2020 dei voli in continuità territoriale tra la Sardegna e la Penisola che sarebbe scaduto il 16 aprile prossimo, dopo il fallimento di Air Italy.

Intanto la Qatar Airways ha dichiarato di non avere più interesse nell’investire in Air Italy e «in nessun altro progetto nel trasporto aereo in Italia, poiché il suo commitment era esclusivamente legato all’operazione Air Italy, sulla base del business plan approvato con l’azionista di maggioranza Alisarda», dice la compagnia aerea del Qatar in una nota. Qatar Airways «farà tutto il possibile nel proprio ruolo di azionista di minoranza per minimizzare l’impatto sociale, per i lavoratori e per i viaggiatori, nell’ambito della procedura di liquidazione volontaria in bonis decisa con l’azionista di maggioranza l’11 febbraio scorso», dice ancora la compagnia di Doha in una nota.

De Micheli firma proroga voli agevolati Sardegna

Il decreto del ministero che proroga gli oneri di servizio pubblico nei collegamenti tra i tre scali sardi di Alghero, Cagliari e Olbia e gli hub nazionali di Roma e Milano, allinea nuovamente le tre rotte allo stesso regime. Per Cagliari e Alghero, spiega l’Ansa, la situazione è più lineare: ad Alitalia, che gestisce sino alla scadenza del 16 aprile lo schema attuale di continuità territoriale, basterà firmare nuovamente la convezione con la Regione per la proroga e continuare a volare con i contributi previsti sino all’esito del nuovo bando che viene definito in queste settimane tra Cagliari, Roma e Bruxelles.

A Olbia, invece, dove Air Italy, oggi in liquidazione, aveva accettato di volare senza aiuti pubblici, ci dovrà essere un affidamento con procedura di emergenza. Alitalia si è detta pronta al subentro, ma la porta è aperta a qualunque vettore si faccia avanti e che abbia i requisiti per garantire il servizio. «Il governo lavora pancia a terra per la questione, per la tutela dell’occupazione e per una presenza italiana nel settore del trasporto aereo», dice il viceministro all’Economia, Antonio Misiani, circa la vertenza di Air Italy.

«Lo stiamo facendo per Alitalia -ha aggiunto – vogliamo adottare lo stesso approccio anche per la dolorosa situazione Air Italy, che mette a rischio centinaia di posti di lavoro». Sulle modalità, Misiani ha ricordato che De Micheli «ha indicato una prima soluzione per garantire continuità aziendale, poi il governo svilupperà tutte le interlocuzioni necessarie per tutelare l’occupazione».

Rimborsi

Nel frattempo Air Italy informa in una nota che procederà al rimborso di ciascun biglietto nel minor tempo possibile a tutti i passeggeri in possesso di un titolo di viaggio emesso per i voli in partenza dopo il 25 febbraio 2020, acquistati tramite i canali diretti sito web/Call Center/App, come ha comunicato direttamente via email. Il rimborso verrà corrisposto attraverso lo stesso strumento di pagamento che è stato utilizzato da ogni singolo cliente e riguarderà l’importo totale relativo ai servizi Air Italy acquistati.

In copertina ANSA/Ufficio Stampa Palazzo Chigi/Filippo Attili| La ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli, in una immagine del 26 novembre 2019

Leggi anche: