Champions League, supplementari choc: l’Atletico butta fuori il Liverpool (2-3). Ok il Psg

Simeone fa 2-3 ad Anfield nei supplementari, Neymar spinge avanti i parigini

In un Anfield fiammante l’Atletico Madrid batte 2-3 il Liverpool nei tempi supplementari (1-0 nei 90′) e vola ai quarti di Champions League dopo aver già vinto di misura la gara d’andata. I Reds scappano sul momentaneo 2-0 con le reti di Winaldum (43′) e Firmino (94′ 1ò t.s.). E’, però, una doppietta in 8 minuti di Marcos Llorente, gettato nella mischia da Simeone a partita in corso, a rimettere la qualificazione in direzione Spagna. Nel finale Morata, anche lui partito dalla panchina, trova il gol vittoria. Il Liverpool, campione in carica, è fuori.

Ai quarti va anche il Psg che ribalta il 2-1 dell’andata e stende al Parco dei Principi (porte chiuse a differenza di Anfield) il Borussia Dortmund: 2-0. Tutto nel primo tempo, tutto facile per i parigini che la aprono con un colpo di testa di Neymar e raddoppiano al crepuscolo del primo tempo col terzino Bernat. Icardi assiste dalla panchina al passaggio del turno dei compagni (out anche Verratti, appiedato per squalifica). Nel finale espulso l’ex Juve Emre Can per un fallaccio su Neymar.

Ruggito Anfield

Ad Anfield, strapieno e rombante come al solito, l’Atletico ha un piano partita che va oltre il Cholismo declinato nella sua accezione di ‘catenaccio’ vecchio stampo e made in Italy.

La squadra di Simeone, che schiera J.Felix e Diego Costa davanti, prova a difendere l’1-0 dell’andata senza, però, rinunciare alla controffensiva. E il progetto va avanti benone per lunga parte del primo tempo anche perché il Liverpool, tre sconfitte nelle ultime cinque gare, non è all’apice della sua forma e riceve poco soprattutto da Sané e Firmino; mentre Salah si sbatte a destra, la fascia che il Liverpool batte di più; la corsia dalla quale arriva lo schiaffo al pari: è il 43′ quando Oxlade-Chamberlain apparecchia il cross giusto per la testata di Winaldum. L’uomo della Provvidenza già lo scorso anno contro il Barcellona (doppietta), l’olandese da 128 gol in carriera.

E’ una mazzata per l’Atletico che nella ripresa si abbassa e fa una fatica enorme a non essere ingoiato dal ruggito di Anfield. E’ Oblak con due paratissime (su O. Chamberlain e Firmino) a tenere vivi i Colchoneros, ma ormai il Liverpool s’è preso tutta l’inerzia del Mondo. Robertson colpisce la traversa dopo un assolo di Salah (67′), Mané rovescia senza trovare la porta. L’Atletico barcolla, ma resiste fino al 90′.

Remontada Atletico

Si va ai supplementari e succede l’incredibile. In 3′ Firmino porta avanti di testa il Liverpool (94′ dopo aver colpito il palo nella stessa azione), poi il portiere Adriàn sbaglia il rinvio e regala all’Atletico Madrid un possesso che Llorente (entrato per un nervoso Diego Costa) converte da fuori nell’1-1 (97′). Al 105′ il centrocampista, su assist di Morata, chiude il contropiede perfetto e manda i campioni d’Europa a casa. L’Atletico si prende anche il lusso di sbancare Anfield al 120′: Morata, altra mossa azzeccata di Simeone, scatta sul filo del fuorigioco e capovolge tutto: partita e pronostici.

Foto di copertina Ansa

Leggi anche: