Coronavirus, Gonzalo Higuain (negativo al tampone) vola a casa: jet privato e ritorno in Sudamerica

L’attaccante della Juve sarebbe partito nella notte da Caselle. Era stato in quarantena come il resto della squadra

Gonzalo Higuain sarebbe partito nella notte dall’aeroporto di Torino Caselle. Agli agenti della Polaria l’attaccante, che era stato messo in quarantena come il resto della squadra dopo i casi di positività di Rugani e Matuidi, avrebbe presentato la certificazione attestante la propria negatività al Coronavirus. Sarebbe, poi, partito con un volo privato verso il Sudamerica, non prima di aver fatto scalo in Francia e, successivamente, in Spagna.

In particolare Higuain, del cui rinnovo con la Juve si sta parlando proprio in questi giorni, sarebbe tornato in Patria per stare accanto alla madre malata (la Juventus pare sia stata messa al corrente di tutto in anticipo, scelta concertata a dispetto delle prime ‘voci’ che parlavano di presunta fuga). Lo aveva già fatto in precedenza, autorizzato dalla società, Cristiano Ronaldo che era volato nei giorni scorsi nella sua Madeira dopo che la mamma era stata colpita da ictus.

Foto di copertina Ansa

Leggi anche: