Coronavirus, ecco come aziende di combustibili fossili (collegate a Trump) ottengono milioni di dollari destinati alle piccole imprese

Le compagnie petrolifere e minerarie – alcune con legami con i funzionari di Trump – approfittano del finanziamento post Covid per risolvere i loro problemi di bilancio

Le aziende statunitensi di combustibili fossili hanno ricevuto almeno 50 milioni di dollari dalle tasche dei contribuenti che, probabilmente, non dovranno rimborsare, secondo un’analisi condotta dal gruppo di ricerca investigativa Documented e dal The Guardian sui sussidi per Coronavirus destinati alle piccole imprese in difficoltà. Un totale di 28 milioni andrà a tre società minerarie di carbone, tutte con legami con funzionari di Trump. Gli altri 22 milioni vengono erogati a fornitori di servizi e attrezzature per petrolio e gas e altre aziende che lavorano con trivellatori e minatori di carbone.

Melinda Pierce, direttrice legislativa del Sierra Club (una delle più grandi e influenti organizzazioni ambientaliste negli Usa ndr), ha dichiarato: «Il denaro del congresso federale dovrebbe aiutare le piccole imprese e i lavoratori in prima linea in difficoltà a causa della pandemia, non multinazionali inquinanti i cui problemi sono il risultato di pratiche commerciali fallite e che esistevano molto prima che il Covid-19 entrasse nel lessico pubblico».

Più di 40 parlamentari e governatori locali Democratici hanno sostenuto che le società produttrici di combustibili fossili non dovrebbero ricevere assistenza nell’ambito del pacchetto di aiuti per il Coronavirus. Le banche e gli istituti di credito stanno distribuendo il denaro, quindi il governo afferma di non poter tracciare i destinatari in tempo reale. I prestiti sono stati resi pubblici solo attraverso notizie e rendiconti finanziari da parte di società quotate in borsa, sebbene la Federal Reserve si sia impegnata a pubblicare rapporti mensili.

Cosa sta accadendo?

Finora è chiaro che il programma non funziona come previsto. I fondi servirebbero ad aiutare le piccole imprese a continuare a pagare i propri dipendenti e a coprire altre spese ricorrenti durante la recessione economica. Ma, finora, sono stati sfruttati da grandi compagnie, poi costrette a restituire i soldi a seguito di proteste pubbliche da parte che arrivavano da varie parti, inclusi i Los Angeles Lakers, Shake Shack e Chris Steak House di Ruth.

L’aiuto alle compagnie petrolifere e del gas, arriva proprio quando l’amministrazione Trump sta prendendo in considerazione un più ampio piano di salvataggio per queste aziende, già sotto pressione – prima del Coronavirus – e che hanno assistito al ribasso dei prezzi del petrolio a causa di una guerra dei prezzi globale e della bassa domanda di benzina. Per questo motivo, il governo degli Stati Uniti sta valutando di concedere loro prestiti, investendo i soldi dei contribuenti direttamente nel settore. Anche la Federal Reserve ha anche annunciato giovedì (30 aprile ndr) modifiche alle sue regole di prestito che potrebbero aiutare le società petrolifere indebitate.

«L’idea che i lavoratori del petrolio stiano ottenendo una busta paga è eccezionale», ha affermato Jamie Henn, portavoce della campagna Stop the Money Pipeline che ha co-fondato il gruppo ambientale 350.org. «La preoccupazione è che i soldi restino ai livelli alti delle aziende e non arrivino ai dipendenti».

I 50 milioni di dollari già versati alle società produttrici di combustibili fossili sono una piccola parte del Coronavirus Aid, Relief and Economic Security Act da 2,1 miliardi di miliardi di dollari, noto come Cares Act. Ma l’assistenza totale al settore è probabilmente molto più ampia di quanto si possa valutare attualmente e continuerà a crescere.

Ambientalisti ed esperti di sorveglianza dei fondi pubblici dicono che è impossibile conoscere la quantità di denaro destinata ai combustibili fossili, anche perché alcune aziende forniscono servizi in più settori. «Tutto quello che abbiamo sono informazioni, concesse volontariamente, da parte delle aziende», spiega Jesse Coleman, ricercatore senior con Documented. «In ogni caso avremo un’immagine incompleta di quello che sta succedendo». Secondo Coleman, in molti casi le società produttrici di combustibili fossili che hanno ricevuto aiuti hanno fatto cattivi investimenti in passato. Ora però «verranno con la coda tra le gambe a dire: ecco quanto ci ha danneggiato il Coronavirus».

I legami con Trump

EPA/MICHAEL REYNOLDS / POOL | Il presidente degli Stati uniti Donald Trump alla Casa Bianca, 23 Aprile 2020

Tra i beneficiari degli aiuti post Coronavirus c’è, ad esempio, Hallador Coal, una società di estrazione del carbone con sede in Indiana che ha assunto l’ex capo dell’ambiente di Donald Trump, Scott Pruitt, come lobbista. L’ex direttore delle relazioni con il governo della società ora lavora presso il dipartimento dell’energia. Hallador sta impiegando 10 milioni di dollari per finanziare due mesi di buste paga e altre spese.

La società di estrazione del carbone Rhino Resources, precedentemente gestita dal capo della Trump’s Mine Safety and Health Administration, David Zatezalo, riceve 10 milioni di dollari. La società di carbone Ramaco Resources, il cui amministratore delegato, Randy Atkins, fa parte del Consiglio nazionale del carbone del Dipartimento dell’energia (un ente governativo), ha guadagnato 8,4 milioni di dollari.

Il settore del carbone

L’industria americana del carbone è in forte declino, spinta fuori dal mercato dal gas naturale a basso costo e dalle preoccupazioni per l’ambiente. Trump ha fatto una campagna per riportare al lavoro i minatori di carbone e le sue agenzie hanno esplorato senza successo i modi per salvare le compagnie carbonifere, che stanno vivendo i loro più bassi livelli di occupazione nella storia moderna. L’amministrazione Trump ha anche abolito quasi tutte le leggi climatiche e ambientali a cui l’industria dei combustibili fossili si è opposta.

Le compagnie produttrici di combustibili fossili possono anche beneficiare di agevolazioni fiscali ai sensi della legislazione sul Coronavirus, incluso il rinvio del pagamento della previdenza sociale e delle tasse di assistenza. La società carboniera Peabody Energy con sede nel Missouri, ad esempio, ha dichiarato che accelererà la raccolta di un rimborso fiscale minimo alternativo di 24 milioni al 2020 e rinvierà 18 milioni di imposte dovute.

In realtà, secondo stime prudenti, i contribuenti statunitensi sovvenzionano già l’industria dei combustibili fossili per circa 20 miliardi all’anno. Il Center for International Environmental Law ha accusato l’industria petrolifera, del gas e della plastica di «sfruttare la crisi facendo pressioni aggressive per massicci salvataggi e privilegi speciali nel disperato tentativo di rilanciare un’industria petrolifera e del gas già in declino».

L’Institute for Energy Economics and Financial Analysis sostiene che i prestiti federali al settore petrolifero e del gas sarebbero «uno spreco di denaro completo», perché non risolverebbero i problemi finanziari sottostanti del settore.

Pressioni sulla Fed

EPA/MICHAEL REYNOLDS | Il capo della Federal Reserve, Jerome Powell

Al momento, i lobbisti dell’industria petrolifera stanno spingendo sulla Federal Reserve perché cambi le regole e consenta alle aziende con grandi quantità di debito di utilizzare il suo programma di prestiti Main Street, in modo da ripagare prestiti già esistenti.

In una lettera del 15 aprile alla Federal Reserve, il gruppo commerciale petrolifero della Independent Petroleum Association of America ha invocat nuove disposizioni, affermando che «i produttori di petrolio e gas naturale non sono alla ricerca di un volantino del governo; stanno cercando un ponte per sopravvivere a questa perturbazione economica».

Secondo gli ambientalisti, se la richiesta rivolta alla Fed venisse accettata, andrebbe a beneficio sproporzionato di compagnie petrolifere e del gas di piccole e medie dimensioni, come Occidental Petroleum, che ha quasi 80 miliardi di passività nel suo bilancio.

Graham Steele, della Stanford Graduate School of Business, ha definito la situazione «il classico scenario di disastro in cui un’amministrazione e un’industria opportunistiche approfittano di una crisi»: «A proposito, queste sono industrie che favoriscono il cambiamento climatico. È sia una cattiva proposta finanziaria da parte della Fed e per i contribuenti e sia una brutta situazione per il pianeta».

*Questo articolo è apparso originariamente su The Guardian ed è ripubblicato qui come parte di Covering Climate Now, una collaborazione giornalistica globale per rafforzare la copertura dell’argomento Cambiamento climatico

Leggi anche: